CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi nella prima giornata di test a Valencia (getty images)

Nella prima giornata di test a Valencia Jorge Lorenzo si prende una piccola rivincita nei confronti del compagno di squadra Valentino Rossi, segnando il giro più veloce in sella al prototipo Yamaha M1 del 2015.

La casa di Iwata ha provato un nuovo telaio, nuovi scarichi, alcuni accorgimenti di elettronica e una gomma posteriore diversa della Bridgestone. Aggiornamenti che sono piaciuti al pilota pesarese.

 

‘Il Dottore’ prova il prototipo Yamaha M1 2015

“Oggi la notizia più importante è stato avere un nuovo telaio. L’abbiamo provato e anche se non ci aspettavamo molto, in realtà la moto si guida meglio – ha detto Valentino Rossi -. Mi ha aiutato in frenata e anche in entrata di curva. La Yamaha ha fatto un buon lavoro e anche il cronometro lo conferma. Siamo andati più forte rispetto ai tempi ottenuti con il telaio 2014″.

L’obiettivo della Yamaha è rendere la M1 più leggera come richiesto dal regolamento: “Poi abbiamo provato anche altre cose: uno scarico diverso, l’elettronica e altri particolari. I giapponesi stanno cercando di togliere peso alla moto, visto che lo stesso diminuirà come da regolamento – ha ricordato il campione di Tavullia -. Stanno lavorando su uno scarico più leggero”.

Valentino Rossi ha chiuso il Mondiale MotoGP 2014 al secondo posto, ma nonostante il lungo e stressante week-end ha ottenuto il quarto crono di giornata. Anche se non bisogna dimenticare che le Honda ufficiali non sono scese in pista per festeggiare… “Pensavo di fare più fatica oggi dopo un fine settimana in sella e invece è stata una bella giornata. Fare un po’ di giri era importante per imparare meglio la pista – ha ironizzato il vice campione del mondo -. Scherzi a parte, avevamo un po’ di particolari da provare, una gomma posteriore diversa portata da Bridgestone, dei nuovi scarichi senza silenziatore per essere più leggeri e un nuovo telaio”.

In pista a Valencia si respirava già aria di 2015 e Valentino Rossi inizia a credere nella corsa al titolo iridato: “Mi sono trovato subito meglio, sono riuscito a girare più veloce anche se non so bene il motivo… Mi basterebbe migliorare il risultato finale solo di una posizione – ha scherzato Rossi – ma per battere Marquez il passo da fare è grande. Potrei anche accontentarmi di un altro secondo posto, ma solo a patto di vincere 5 o 6 gare”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori