CONDIVIDI
foto Twitter
foto Twitter

Valentino Rossi ha conquistato la seconda vittoria stagionale sul circuito di Phillip Island, sotto gli occhi del suo ex capo tecnico Jeremy Burgess, con cui i rapporti sono rimasti ottimali. L’ingegnere australiano è andato nei box Yamaha per salutare il suo ex pupillo, con cui ha condiviso 14 anni di successi indimenticabili, e portandogli fortuna visto l’esito dell’ultima gara…

 

Jeremy Burgess era davvero entusiasta per il trionfo di Valentino Rossi e, in un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’, ha parlato di passato, presente e futuro… “Io mi ricordo che qui ha sempre fatto grandissime gare, come quella con Casey nel 2009. Se fosse riuscito a replicare quello sforzo, avrebbe potuto ripetersi”. Ed è impossibile sorvolare sul suo licenziamento e sulla sostituzione con il nuovo capo tecnico Silvano Gabusera: “È stata una buona decisione. Chiaramente vincere due gare ti fa restare lontano dal Mondiale, ma quel che ha fatto è speciale”, ha ammesso Burgess.

 

Del resto l’australiano non ha mai smesso di pensare a Valentino Rossi e seguire le sue ultime imprese: “Mi piace guardare quello che continua a fare e sono contento che la sua decisione non sia stata sbagliata. Questa è sempre più una griglia per giovani uomini, non per me. E io mi sento sempre più rilassato, gioco a golf, mi godo casa. Quello che più mi interessa adesso è che Valentino finisca bene la carriera, senza farsi male”, ha confessato Jeremy. Parole da ‘innamorato’…? “Oh lo sono, come lo sono di Mick. Dopo tanti anni assieme… E poi non posso girare troppo per casa senza imbattermi in suoi ricordi“.

 

 

 

Redazione

 

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori