CONDIVIDI
Andrea Dovizioso (getty images)
Andrea Dovizioso (getty images)

In una gara fortemente condizionata da cadute ed errori Valentino Rossi è stato impeccabile, non ha mai perso la concentrazione ed ha trionfato nel Gran Premio di Phillip Island 2014, davanti al temuto compagno di team Jorge Lorenzo. Seconda vittoria stagionale per il pilota pesarese della Yamaha che ora può mirare al titolo di vice campione del mondo, anche se mancano ancora due GP alla fine del Mondiale.

In casa Ducati, invece, prosegue lo sviluppo della Desmosedici e sebbene Andrea Dovizioso non sia mai stato veramente competitivo lascia l’Australia con un quarto piazzamento.

 

COMPLIMENTI A VALENTINO ROSSI – A Valentino Rossi sono giunti anche i complimenti del ducatista Andrea Dovizioso, giunto quarto sul circuito australiano, ma confermando il progressivo stato di forma della casa di Borgo Panigale. “A Valentino va fatto tanto di cappello, molti oggi hanno fatto errori, lui è stato bravo a portare a casa il massimo che poteva. Magari Marquez aveva un miglior ritmo, ma le gare bisogna portarle a termine”, ha dichiarato Andrea Dovizioso al termine del GP di Phillip Island.

 

MAI COMPETITIVI NEL WEEK-END – Il pilota forlivese ha lottato fino all’ultimo con Bradley Smith per salire sul gradino più alto del podio, ma ha poi dovuto cedere sotto i colpi della yamaha satellite: “E’ stata una gara decisamente anomala, e non posso assolutamente essere contento di questo weekend perché non sono mai stato veramente competitivo – ha confessato Andrea Dovizioso -. Questa esperienza ci deve però servire per il prossimo anno: dobbiamo capire dove e come possiamo migliorare. In ogni caso sono soddisfatto del mio quarto posto finale perché ottenere questo risultato, con il passo che avevamo prima della gara, è comunque positivo. Adesso andiamo in Malesia a Sepang – ha proseguito il numero #4 della Ducati -, una pista che amo, e cercheremo di rifarci”.

 

IN MALESIA PER IL RISCATTO – Per la prima volta in stagione il suo compagno di squadra Cal Crutchlow è riuscito ad essere più competitivo, anche se all’ultimo giro è scivolato ed ha chiuso la gara a 0 punti: “Cal ha un altro stile che su questa pista lo ha fatto andare meglio – ha spiegato il Dovi -. Oggi ho corso con la testa e con un po’ di fortuna ho fatto un buon risultato. In Malesia credo che andremo meglio: lì la pista è difficile per il grip, che con il caldo in pratica non esiste, ma nei test di inizio anno siamo andati bene – ha concluso Andrea Dovizioso -, ora la moto è migliorata e mi aspetto tanto”.

 

 

Redazione