CONDIVIDI
Max Verstappen (Getty Images)

F1 | Max Verstappen vuole provare una MotoGP, Red Bull gli nega il permesso

Max Verstappen è uno dei piloti più amati in F1. Nonostante la sua giovane età, infatti, l’olandese ha un enorme seguito frutto di tanti sorpassi mirabolanti e qualche colpo di testa di troppo in gara. Sinora i suoi numeri parlano di 4 vittorie, 18 podi e 4 giri veloci in 77 GP disputati.

Tra le tanti passioni di Max Verstappen però c’è anche la moto. L’olandese, infatti, ha recentemente preso la patente per le moto e ha acquistato una splendida Harley-Davidson. Per uno come lui però tutto questo non basta e proprio per questo ha deciso di avanzare una richiesta alquanto particolare a Red Bull.

Niente MotoGP per lui

L’olandese, infatti, durante un’intervista con il quotidiano “De Telegraaf”, avrebbe così dichiarato: “Ho chiesto al team se poteva provare una MotoGP. In fondo Red Bull è anche sponsor nel campionato e mi sarebbe piaciuto girare con una di quelle moto in Austria sul nostro circuito o su di un altro circuito. Purtroppo però mi hanno detto no, assolutamente no. Loro pensano sia troppo pericoloso, quindi niente MotoGP“.

Come giustamente affermato da Max Verstappen, la Red Bull è uno degli sponsor più importanti in MotoGP visto che è il main sponsor di HRC e KTM ed è anche sponsor individuale di Marquez, Pedrosa e Dovizioso. Proprio Red Bull qualche mese fa ha “regalato” a Marquez, Pedrosa e Cairoli, tutti piloti con loro sotto contratto, una giornata a bordo di una Toro Rosso.

Naturalmente mettere un pilota di moto su una macchina di F1 non comporta tanti rischi, diverso, invece, il discorso contrario. Inoltre uno come Verstappen che non si risparmia mai potrebbe incappare in una brutta caduta che potrebbe poi pregiudicare il prosieguo della sua stagione in F1. Insomma troppi rischi visti i tanti soldi che ci sono in ballo e quindi l’olandese dovrà rimandare i suoi sogni magari a fine carriera.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.

Antonio Russo