CONDIVIDI
Sergio Marchionne e Bernie Ecclestone
Sergio Marchionne e Bernie Ecclestone (© Getty Images)

Bernie Ecclestone ha raggiunto 85 anni di età e sa bene che prima o poi dovrà abbandonare i vertici della Formula 1. Secondo il patron della Ferrari Sergio Marchionne c’è bisogno che il boss del Circus metta a punto una exit strategy che garantisca un futuro migliore per il motorsport, magari distribuendo le responsabilità in maniera diversa.

La Formula 1 sta studiando il modo per ritornare ad essere uno sport popolare, capace di convogliare attenzione e spettatori come accadeva ai tempi di Michael Schumacher, quando milioni di persone si radunavano davanti alle tv per assistere a gare davvero emozionanti. Un po’ come sta accadendo per la MotoGP, soprattutto nell’ultima stagione.

Ecclestone sa che non potrà occupare quella carica per sempre, per cui dovrà organizzarsi per garantire un futuro alla FOM – ha detto Marchionne ad Autosport -. La vera sfida per Bernie è organizzarsi al meglio. Ha bisogno di elaborare un sistema in cui le responsabilità possono essere sviluppate in modo diverso. Toccherà poi a noi, senza rivoluzionare completamente il management, sfruttare al meglio il suo lavoro”.

“Così abbiamo davvero bisogno di sfruttare al meglio le capacità di Bernie per far crescere questo sport nel miglior modo possibile. Credetemi, non è facile. Bernie è un bel personaggio, ma lui ha una forza incredibile. Non so cosa farò quando avrò la sua età. Quello che ha fatto negli ultimi dieci anni è incredibile e lui è ancora lì”, ha proseguito Sergio Marchionne.

Per il boss della Ferrari sarà fondamentale incoraggiare i giovani ad interessarsi di Formula 1: “Bernie dovrebbe aprire la strada e preparare il futuro del mondo della F1″ ha dichiarato Marchionne. “La questione dell’età è lì, quindi dovremmo chiederci: stiamo facendo appello ai giovani? Questo sport ha un grande potenziale che non è stato ancora espresso. Abbiamo bisogno di rendere la f1 più divertente perché se tutto è prevedibile diventa noioso. Dobbiamo cercare di fornire più imprevedibilità, per così dire, in modo che i risultati siano imprevedibili”.