CONDIVIDI
Sebastian Vettel (Getty Images)

In  Formula 1 è tempo di vacanze. L’ultima gara del mondiale ha lasciato parecchie certezze in casa Ferrari. In particolare Sebastian Vettel grazie al successo in Ungheria è riuscito a ricostruire un po’ di vantaggio su Lewis Hamilton. Il tedesco con la tranquillità che contraddistingue un leader può finalmente dedicarsi ad altro.

Tra i vari appuntamenti in agenda di questa calda estate per Sebastian Vettel c’è la discussione del rinnovo con Ferrari. Un rinnovo, che solo un anno fa sembrava lontano anni luce, ma che ora, grazie alla ritrovata competitività del Cavallino sembra davvero cosa quasi fatta.

La Ferrari vuole costruire un ciclo Vettel

In Ferrari molto probabilmente si va verso la riconferma in toto della coppia formata da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, con il finlandese che grazie alle ultime prestazioni sembra essersi riguadagnato la stima di Marchionne. Il problema più grande a Maranello però sembra essere proprio il rinnovo del tedesco. Non si tratta di soldi, ma semplicemente di progettualità.

Come riportato da “Sportbild”, infatti, a quanto pare Sebastian Vettel vorrebbe si firmare il rinnovo, ma solo di 1 anno, così da avere la possibilità a fine 2018 di scegliere cosa farne del proprio futuro. In Ferrari, invece, gli hanno proposto un triennale da 120 milioni di euro. Per ora il tedesco ha respinto l’offerta pervenuta da Maranello.

Il progetto di Ferrari sarebbe quello di costruire un ciclo con Sebastian Vettel proprio come accaduto in passato con Michael Schumacher e poi di affiancargli in seguito uno dei giovani dell’Academy. Il tedesco, invece, vorrebbe un contratto più breve così da liberarsi facilmente nel caso in cui il Cavallino Rampante dovesse ricadere in una nuova crisi.

Per ora la trattativa è ancora in alto mare, una cosa è certa, sia la Ferrari, sia Sebastian Vettel vogliono stare ancora insieme anche nel 2018, resta solo da capire come risolveranno gli altri problemi contrattuali. Probabile che si possa chiudere con un biennale.

Antonio Russo