CONDIVIDI
Ferrari (©Getty Images)

F1 | La Ferrari ci crede. Per Austin pronta un’arma

Pur avendo ormai ridotte speranze iridate sia per quel che concerne la classifica costruttori, sia per quella piloti, la Ferrari non vuole abbassare la guardia, o meglio, con l’obiettivo di sfruttare qualsiasi ipotetico passo falso della diretta rivale Mercedes, ha deciso di non abbandonare lo sviluppo.

Così, quando mancano 4 gare alla fine, la Rossa pigerà ancora sull’acceleratore degli aggiornamenti, introducendo per il prossimo GP di Austin in programma il 21 ottobre l’ultimo e importante update aerodinamico.

Un successo che manca dal Belgio

Inutile dire che il target primario del Cavallino sarà quello di tornare alla vittoria di tappa, un primo posto sul gradino del podio da cui è assente da fine agosto, da quel round di Spa che sembrava essere del rilancio definitivo visto che arrivava dopo il centro dell’ultima corsa prima della pausa estiva a Budapest, e che invece è stato l’avvio di una fase piuttosto complessa per il team.

“Abbiamo un grande potenziale”, ha affermato dopo Suzuka Sebastian Vettel. “Ovviamente le recenti settimane sono state complicate per noi, per cui ci troviamo in una posizione diversa rispetto alle attese, ma ogni cosa capita per una ragione. Dobbiamo comunque guardare avanti con ottimismo. La qualità della squadra è altissima e dobbiamo assicurarci di mantenere questo livello nei prossimi gran premi e in futuro. Abbiamo analizzato quanto non ha funzionato e sono certo che non si ripeteranno gli errori”.

Anche Kimi Raikkonen ha fatto professione di fiducia. “Se guardiamo a quanto abbiamo ottenuto anche in Giappone non è certo ciò a cui ambivamo, ma a volte va così. Ora il focus è al Texas e in quell’occasione dovremo fare tutto bene in modo da uscire dal fine settimana più soddisfatti. Ciò che conta è non avere problemi che rallentino il lavoro”, il commento pragmatico di Iceman.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News