CONDIVIDI
Kimi Raikkonen (Getty Images)

F1 | Kimi Raikkonen: “Vado in Sauber per vincere”

Come facilmente immaginabile l’uomo più bersagliato di domande nella classica conferenza pre-gara a Singapore è stato Kimi Raikkonen. Lui però, come al solito, è stato evasivo e di spiegazioni su quello che è stato il divorzio dalla Ferrari e il passaggio nel 2019 all’Alfa Romeo Sauber ne ha fornite davvero poche.

Sulle motivazioni dell’allontanamento dal Cavallino a fine stagione non ci sarebbe molto da dire visto che faceva tutto parte del programma stilato dall’ex Presidente Sergio Marchionne prima della prematura scomparsa e che puntava al completo rinnovamento della scuderia, un rimescolamento dei carte che doveva far scendere l’età media del personale e accrescere la presenza di italiani o comunque di personaggi legati sin dall’esordio nel motorsport a Maranello.

Lasciare la Rossa non è stata una mia decisione ma del team“, ha affermato insistendo su quanto già aveva dichiarato a Monza e nei precedenti appuntamenti, ovvero che il suo futuro non è mai stato nelle sue mani. “Ad ogni modo ciò che conta è che ora almeno c’è una risposta definitiva”.

Interrogato poi sui motivi di questo ritorno al passato, all’equipe che lo lanciò nel lontano 2001, Iceman ha controbattuto ironico: “Perché mai non sarei dovuto tornare ad Hinwil? L’ho voluto e basta. Dopo il GP d’Italia è emersa questa possibilità e io l’ho colta”. A questo proposito non poteva mancare la noiosa questione circa l’elemento che lo tiene ancora nel mondo delle corse. “Amo le gare ed è ciò che mi spinge a rimanere“, ha controbattuto il finnico, “Ci sono degli aspetti di contorno che gradisco di meno, ma fa tutto parte del pacchetto. Non ci possono essere solo cose positive!”.

Quindi un paio di spunti interessanti sul suo 2019 alla Sauber. “Il mio target è vincere, di conseguenza vado nella scuderia svizzera con quell’idea. Al momento è impossibile fare previsioni se si tratti di un obiettivo realistico. Molto dipenderà dalla macchina nuova. Per quanto concerne il contratto, sarà il mio ultimo da pilota, poi si vedrà. So che ci sono delle speculazioni circa un mio passaggio alla dirigenza.  Ovviamente è troppo presto per commentare visto che non ci sono discussioni in merito”.

Infine parlando dell’inserimento di una terza monoposto per rimpolpare la griglia di partenza ipotizzato di recente, Raikkonen ha chiosato: “Non sarebbe male, ma dal punto di vista logistico sarebbe troppo complicato”.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su  Google News.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori