CONDIVIDI
Jarno Trulli (©Getty Images)

F1 | Jarno Trulli estremo: “Il Circus verso danni irreversibili”

Come molti dei suoi colleghi alquanto scettico circa la direzione intrapresa dal Circus 4. 0. Jarno Trulli in un’intervista con il giornalista Leo Turrini ci è andato giù pesante. L’ex pilota Renault e Toyota ha criticato soprattutto la disparità di prestazioni tra i tre top team e il resto del gruppo, nonché lo stile di guida richiesto dalle monoposto di oggi che punta sempre al risparmio, che sia delle gomme o del carburante.

“Che cosa è diventata la F1? Vi rendete conto che a Singapore c’erano vetture che giravano 10 o 12 secondi più lente della pole position? A mio avviso è assurdo e ridicolo“, ha cominciato la sua riflessione. “Immagino che piloti del calibro di Kimi Raikkonen, Fernando Alonso, Sebastian Vettel e Lweis Hamilton, non ne siano entusiasti. Loro hanno conosciuto lo sport vero, quando ancora lo si poteva chiamare F1 con la lettera maiuscola”.

“Alla mia epoca si correva con il piede sull’acceleratore. Disputare un GP significava attaccare dalla partenza all’arrivo. Adesso invece bisogna fare attenzione a non sprecare troppa benzina, piuttosto che a non rovinare le gomme o ad economizzare con il motore”, ha proseguito l’abruzzese al via di 252 gare in carriera. “Secondo me senza un intervento rapido i danni per la categoria diventeranno irreversibili. Personalmente sono piuttosto triste per la situazione attuale in quanto sono ancora innamorato della serie che tanto ha rappresentato nella mia vita. Insomma, è un vero peccato”.

Il caso Ocon brucia

Sulla scia di quanto sostenuto da Trulli, anche Nico Rosberg ha lanciato un grido d’allarme circa lo stato di salute del Grande Circo su quattro ruote, in particolare in riferimento al rischio che sta correndo il buon Esteban di non essere presente sullo schieramento 2019 malgrado gli ottimi risultati raccolti.

Quello che sta succedendo è terribile“, le parole dell’iridato 2016. “Uno che guida così bene non dovrebbe trovarsi senza sedile. Detto ciò è comunque positivo che le grandi Case supportino i giovani. Vedo che la F1 stessa si sta dando da fare in questo senso. Forse rispetto al passato la situazione è peggiorata, ma non è così disastrosa”, ha chiuso il tedesco con un filo di ottimismo.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su  Google News

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori