CONDIVIDI

Max Verstappen (©Getty Images)
Il botto clamoroso a pochi minuti dal termine delle libere 3 di Montecarlo contro le barriere all’altezza della Piscina ha messo nuovamente sotto i riflettori, in negativo, Max Verstappen. Trattandosi del quinto incidente di una stagione giunta solo al suo sesto appuntamento era inevitabile che si aprisse il cielo e piovessero critiche nei suoi confronti, molte delle quali provenienti da suoi ex colleghi.

“Era nettamente più veloce del suo compagno di squadra Daniel Ricciardo e ciò nonostante ha compiuto un errore nel momento più inutile. Il crash di sabato scorso è stato del tutto identico a quello da lui commesso nel 2016 sempre in quel punto”, ha analizzato il campione 2016 Nico Rosberg parlando a Sky Sports Uk. “Comincio a chiedermi se non sia un po’ troppo sicuro di sé e delle proprie capacità perché a mio avviso si sta prendendo rischi eccessivi. La cosa più desolante è che pare non apprendere dagli sbagli”.

“Ne ha già commessi parecchi quest’anno ed è al suo quarto campionato nel Circus. Adesso non si può neppure dire che gli manchi l’esperienza! Sta chiaramente attraversando una fase negativa. Per ora gli sta andando tutto male. Personalmente non gli do molta speranza”, ha concluso il tedesco drasticamente.

Tante papere

Altrettanto severo nel giudizio anche Jacques Villeneuve che un po’ come il collega ha sottolineato il perseverare diabolico dell’olandese della Red Bull. “Verstappen fa errori ogni weekend e questo non è per nulla un buon segno. Per quanto concerne la collisione con il suo team mate a Baku, la colpa è stata esclusivamente sua. Di solito i piloti più fallosi per calmarsi alzano un po’ il piede e di conseguenza diventano meno veloci. Per restare alla pari di Ricciardo Max si prende più rischi del dovuto. Ciò significa una sola cosa, ossia che Daniel vale molto di più di lui”.

Chiara Rainis