CONDIVIDI
Ferrari (©Getty Images)

F1 | I fori della discordia sui cerchi: la Ferrari non li vuole

Ricordate i famosi fori su cerchi e mozzo della Mercedes W09 messi sotto indagine dalla FIA dopo il weekend della Russia perché considerati dalla Ferrari come illegali? Ebbene, al contrario di quanto si poteva immaginare, questo accorgimento tecnico potrebbe invece andare per la maggiore nelle vetture che affronteranno in prossimo mondiale di F1, al via il 17 marzo dall’Australia.

Secondo quanto riportato da Motorsport.com la Red Bull avrebbe già deciso di adottare questa soluzione sulla nuova RB15 in quanto consente di diminuire la temperatura delle gomme posteriori. Un escamotage inizialmente valutato da nulla ma in seguito riabilitato viste le difficoltà patite dalle Frecce d’Argento una volta tornate alla vecchia versione nonostante la Federazione avesse parlato di “parziale” irregolarità e dunque consentito alla scuderia di Stoccarda di continuare ad utilizzare i buchi.

Allora i federali avevano accettato la spiegazione fornita dall’ingegner Aldo Costa a proposito del fatto che i fori fossero stati applicati meramente per evitare il surriscaldamento degli pneumatici posteriori. Giudizio avvallato anche dai commissari presenti in Messico dopo essere stati incalzati dal Cavallino che domandava chiarimenti.

In ogni caso per evitare ulteriori polemiche e spiate la Mercedes aveva optato per tornare indietro e assicuratasi entrambi i mondiali si era affrettata a ritappare il tutto.

E’ probabile insomma che ora, da vecchio volpone geniale qual è il progettista degli energetici Adrian Newey, abbia trovato un modo per sfruttare i cerchi forati non solo per raffreddare le coperture, ma anche a livello aerodinamico con l’intento ovviamente di recuperare terreno sulla concorrenza.

Come la vettura austriaca, anche la W10 è stata concepita con i cerchi forati, mentre secondo voci di corridoio, forse per coerenza con il caos fatto scoppiare nel 2018, la Ferrari non dovrebbe aver dotato il progetto 670 di questo sistema, perlomeno in quello che vedremo in azione nella prima parte della stagione.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori