CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

F1 | Hamilton rivela: “Mi aveva chiamato un top team”

Fresco di rinnovo biennale con la Mercedes, non appena approdato in Germania Lewis Hamilton è stato sommerso dalle domande a proposito di questo accordo tanto chiacchierato che sembrava non arrivare mai e dagli altrettanto vociferati contatti con Ferrari e Red Bull, uniche due alternative valide per il quattro volte iridato in caso di partenza da Stoccarda.

“In effetti uno dei due team mi ha chiamato“, ha confessato ai media presenti nel paddock di Hockenheim. Quindi sulla decisione di restare su un contratto a breve termine il driver di Stevenage ha spiegato: “Si era parlato di tre stagioni, ma personalmente ho insistito per due in quanto la F1 sta attraversando una fase di cambiamento, quindi prima di continuare voglio vedere come si evolvono le cose”.

“Mi sembrava senza senso impegnarmi in qualcosa di ignoto anche se è facile per me immaginarmi con le Frecce d’Argento. Commercialmente ci potrebbero essere degli spostamenti, quindi è impossibile sapere come andrà. Per il momento mi sento benissimo, eccitato come neppure credevo per la firma”, ha aggiunto.

Non è una questione di denaro

Se le vociferate 40 milioni di sterline a campionato potevano essere viste da molti come un incentivo a rimanere in terra germanica, Ham ci ha tenuto a sottolineare come lo sprone sia stato soltanto originato dal sacro fuoco verso le corse che ogni domenica lo spinge.

“Prima ero qui sopra ( ndr. all’interno dell’hospitality Mercedes) e stavo facendo un’intervista. Guardando la vecchia parte del circuito ho capito che ci sono tante  ragioni valide per restare in questo sport. Ma chissà, forse fra due anni la mia vita sarà completamente diversa e allora vorrò dedicarmi ad altro. Il tempo ce lo dirà”,  ha chiosato filosofeggiando.

In effetti nel 2021 Lewis avrà 35 anni, quindi potrebbe essere del tutto lecito per lui avere il desiderio di guardare altrove.

Chiara Rainis