CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Hamilton ha paura: “Senza motore aggiornato siamo indietro”

Sarà per tatticismo o per timore reale, ma nel giovedì di confronto con i media in quel di Montreal, Lewis Hamilton ha voluto mettere le mani avanti. Se in teoria la Mercedes avrebbe dovuto portare sull’Isola di Notre Dame la power unit versione 2, a causa di alcuni problemi riscontrati in fase di controllo qualità ha poi deciso di fare marcia indietro e di rimandare alla Francia gli aggiornamenti.

Un imprevisto che sta preoccupando abbastanza il campione di Stevenage, conscio che la diretta concorrenza potrà invece godere di un propulsore con qualche cavallo in più, ideale sui veloci tornanti del Gilles Villeneuve. “Ferrari e Renault dovrebbero portare degli update a livello di motore”, ha affermato sconsolato il quattro volte iridato. “Questo è un circuito di potenza, quindi come per gli altri era il nostro obiettivo poter usufruire di qualche novità e sicuramente sarebbe stato utile. I ragazzi hanno lavorato duramente, ma alla fine hanno preso la decisione sensata di non portare l’unità implementata, anche se è una bella sfortuna“.

In particolare ad agitare l’animo del 33enne è la consapevolezza che essendo la sua PU e a fine chilometraggio, potrebbe negargli qualcosa in termini di prestazione pura. “Dovremo farne a meno e questo vorrà dire che la nostra performance non sarà al top”, ha in seguito aggiunto. “E’ la settima gara per il nostro motore, dunque è alla fine del suo percorso di vita. Saremo intorno ai 7.000 km o qualcosa di simile, di conseguenza avrà perso senz’altro qualcosa. Considerato che si tratta di un tracciato rapido soffriremo maggiormente”.

Infine Ham ha identificato nella Rossa la favorita per la vittoria di gara essendosi dimostrata competitiva sul passo sin dall’avvio del campionato. “Saranno forti soprattutto se potranno contare su degli update. Per noi invece potrebbe rivelarsi un fine settimana difficile”.

Chiara Rainis