CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

F1 | Hamilton: “Anche la Ferrari dovrebbe impartire ordini di scuderia”

Quanto successo a Sochi appena una settimana fa anziché scalfire la fiducia in sé stesso, ha esaltato ancora di più Lewis Hamilton il quale, malgrado una vittoria regalata dal compagno di squadra Valtteri Bottas e i conseguenti fischi sul podio russo, è arrivato in Giappone pimpante e carico a molla tanto da dominare le prime due sessioni di prove libere, senza mai essere insidiato.

Un vantaggio inatteso e a tratti esagerato, che il boss Mercedes Toto Wolff ha motivato con la presunta scelta della Ferrari di andare a rubinetti semi spenti, ma che per il britannico è realtà e basta. “Non costruiscono più circuiti del genere!”, ha detto galvanizzato alla fine. “E’ uno dei miei preferiti. E’ velocissimo ed è un vero piacere guidarci. In passato avevo due o tre curve che non riuscivo a fare bene, ma ho lavorato e oggi sono stato in grado di affrontare l’intero tracciato in maniera pulita. Ora dovrò proseguire così per l’intero weekend“.

Il fattaccio del Mar Nero

Come detto non appena sbarcato in Asia Ham non ha potuto evitare di tornare a parlare della chiamata radio al vicino di box durante lo scorso GP che di fatto gli ha consegnato il successo, ma invece che giustificarsi ha sollecitato il Cavallino a fare altrettanto.

“Nel nostro team sono arrivati degli ordini di squadra solo domenica scorsa, per il resto abbiamo sempre lavorato come un gruppo e comunque i rapporti non si sono scalfiti”, ha sostenuto il quattro volte iridato. “In altre circostanze mi sono trovato a sandwich tra le due Rosse ed anche loro hanno giocato fermando una delle due vetture al pit-stop in modo da costringere anche me alla sosta. Diciamo che in alcune fasi della stagione hanno seguito questa filosofia quando è stato necessario, però abbiamo anche visto che in alcune fasi cruciali, come a Monza, non lo hanno fatto. Mi ha sorpreso? Si, perché in passato hanno impartito degli ordini, e forse ritorneranno sui loro passi, ma alla fine non è un mio problema“.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News