CONDIVIDI
Mika Hakkinen (Getty Images)

Mika Hakkinen ha scritto la storia della Formula 1 e sul finire degli anni ’90 è stato il più grande rivale di Michael Schumacher. Il finlandese in carriera ha portato a casa: 2 titoli, 20 vittorie, 51 podi e 26 pole. Purtroppo per lo spettacolo però nel 2001, a soli 33 anni decise di lasciare la F1 a causa di un calo di motivazioni.

Mika Hakkinen attualmente è ambasciatore McLaren. Proprio con il team britannico, il finlandese ha portato a casa i suoi maggiori successi. Come riportato da “Speedweek”, l’ex pilota ha così commentato la F1 moderna: “Mercedes ha avuto alcuni problemi, a volte avevano una macchina veloce, altre volte meno. La messa a punto è sempre stata border-line, per Hamilton è stato difficile, ma per Bottas lo è stato ancora di più”.

Hakkinen contento per Bottas

Il finlandese ha poi parlato di Hamilton: “I 4 titoli di Lewis sono davvero impressionanti. Tutti possono vedere quanto sia affamato, questo è molto importante. Dopo i titoli vinti nel ’98 e nel ’99 ero determinato a fare tripletta nel 2000, ma ciò non è accaduto. Dopo quell’anno non mi sentivo più quello di prima, ecco perché ho lasciato. Alcuni piloti sono felici dopo aver vinto un mondiale, altri sono ancora più affamati”.

A questo punto Mika Hakkinen ha poi fatto un riferimento anche al suo acerrimo rivale: “Schumacher si auto-motivava come nessun altro pilota al mondo. Solo alcuni piloti mostrano tanta fame ed Hamilton è uno di questi. Sono contento che Valtteri abbia vinto 3 gare. La Ferrari all’inizio era molto forte, poi le gare asiatiche hanno un po’ tagliato le gambe alla Rossa che si è ritrovata a rincorrere”.

Antonio Russo