CONDIVIDI

FORMULA UNO – La prima sessione di collaudi della F.1 versione 2011 si chiude con un outsider sotto i riflettori: tra Red Bull, Ferrari e Mercedes alla fine spunta la Renault con i suoi scarichi rivoluzionari e Robert Kubica lascia il Ricardo Tormo con il tempo pi√π veloce della giornata che coincide anche con la migliore prestazione dell‚Äôintera sessione. Il suo 1‚Äô13″144 gli consente di ¬´staccare¬ª nella virtuale lista dei pi√π rapidi di tre decimi Fernando Alonso e addirittura di sei il campione del mondo Sebastian Vettel. “Ma non conta – frena il polacco – e oggi √® stata pi√π una giornata si che no, anzi… no che s√¨. Perch√© abbiamo avuto un sacco di problemi tutti in fila e sino alle 13 non siamo riusciti fare un run giusto, poi nel pomeriggio abbiamo adattato la macchina un po‚Äô alle Pirelli ma non siamo riusciti a completare il programma. Un peccato perch√© volevano capire qualcosa di pi√π dalle gomme”.

FERRARI STOP ‚Äî Se a dire cos√¨ √® un pilota che √® riuscito comunque a mettere insieme 95 tornate, potete ben immaginare l‚Äôumore di Felipe Massa che √® riuscito a metterne insieme 80 soltanto grazie a un vero tour de force pomeridiano dopo aver perso tre ore e mezza per un principio d‚Äôincendio provocato da una fuga d‚Äôolio che ha costretto la Ferrari a cambiare l‚Äôintero retrotreno (il motore sar√† aperto a Maranello per verificare se potr√† essere utilizzato o meno): “Non √® stata davvero bello fermarsi cos√¨ con tutto il lavoro che volevo fare, l‚Äôunica consolazione √® che si √® trattato di un problema di poco conto. E che dunque l‚Äôaffidabilit√† della nuova macchina resta alta”. Traccia un bilancio positivo anche il d.t. Aldo Costa: “Per quanto riguarda le prestazioni siamo dove ci aspettavano di essere, senza alcuna sorpresa; ci sono stati dei miglioramenti anche a livello di gomme per quanto riguarda la continuit√† della prestazione (ma le gomme comunque cambieranno), infine l‚Äôaffidabilit√† ottima per i primi due giorni, mentre oggi si √® trattato di una sciocchezza”.

WEBBER PROMOSSO ‚Äî Non ha ottenuto tempi eccezionali Mark Webber ma la sicurezza che mostra dovrebbe preoccupare gli avversari: “Altre volte me ne sono andato dai primi test grattandomi il capo, stavolta tranne un inconveniete nel secondo giorno, i nostri test sono stati pi√π che positivi”. Infine il debutto di Jarno Trulli con la Lotus, ora motorizzata Renault: l‚Äôabruzzese ha percorso solo 38 giri, nessuno dei quali cronometrati. “Senza il servosterzo (che dovr√† essere modificato in fabbrica, ndr.) la macchina √® praticamente inguidabile e dunque era inutile forzare. Mi sono limitato a una serie di collaudi”. Domani Jarno sar√† di nuovo in pista perch√© il team ha deciso di affittare il tracciato e spendere uno dei quattro giorni di test in esclusiva concessi dal regolamento.

Gazzetta.it