CONDIVIDI

FORMULA UNO 2011 РNonostante i 42 anni, ha ancora voglia di ruggire Michael Schumacher, che ieri è stato il più veloce nella seconda giornata di test a Jerez. Il pilota della Mercedes è apparso molto soddisfatto al termine della sessione, nonostante abbia dovuto lavorare su gomme, assetto, kers e ala mobile. “Ci sono così tanti giocattoli ora in queste monoposto, ma mi diverto” ha commentato. Poi ha spiegato che aver fatto tanti chilometri (112 giri) “è stato utile per verificare l’affidabilità della vettura. Al mattino abbiamo fatto brevi uscite per mettere a punto kers e ala mobile, al pomeriggio, invece, ci siamo concentrati sui long run, con buoni risultati”.

MASSA CONTENTO – Atmosfera serena anche in casa Ferrari, dove oggi Felipe Massa lascerà il volante a Fernando Alonso. Il brasiliano ha ottenuto il secondo miglior tempo, a soli 61 millesimi dal tedesco, e ha compiuto 116 giri (che con i 101 di ieri fanno quasi mille chilometri). Anche lui ha potuto apprezzare l’affidabilità della nuova F150th e, anche se i test sono un discorso relativo, ha ammesso “che ottenere buoni tempi è comunque incoraggiante, significa che la vettura risponde bene”.

DEBUTTA JENSON -  Primi giri con la nuova McLaren per Jenson Button, che ha ottenuto il terzo tempo davanti alla Toro Rosso di Jaime Alguersuari. Quinta la Red Bull di Mark Webber. L’australiano domani sarà sostituito dal campione del mondo Sebastian Vettel.

HEIDFELD PER ROBERT? — “Una poltrona per due” potrebbe essere il titolo della partita che si giocherà domani e domenica in casa Renault. Bisogna scegliere l’erede di Robert Kubica e i candidati sono il brasiliano Bruno Senna e il tedesco Nick Heidfeld, nettamente favorito sul nipote del grande Ayrton. Due incidenti, ma senza nessuna conseguenza per i piloti, hanno avuto come protagonisti prima il messicano Sergio Perez, che ha parcheggiato la sua Sauber contro il muro della curva sette. Mentre il venezuelano Pastor Maldonado ha scelto la curva quattro per stamparci contro la sua Williams.