CONDIVIDI
Toto Wolff (©Getty Images)

Dopo le minacce della Ferrari di lasciare la F1 qualora dovessero passare le proposte avanzate dalla FIA circa i motori da adottare dal 2021 e che prevedono tra l’altro la standardizzazione di alcune componenti e il tetto di spesa, è arrivato pure il monito della Mercedes, al top nel 2017 e per il quarto anno consecutivo sia nella classifica piloti, sia in quella costruttori.

Nello specifico il dirigente della scuderia Toto Wolff ha fatto sapere che se le regole approvate non saranno in linea con gli interessi del marchio Stoccarda abbandonerà a fine 2020.

“Fare scelte bizzarre come quella di chiamare Michael Buffer a presentare il GP di Austin non rendono certo lo sport migliore”, ha attaccato l’austriaco al Kronen Zeitung. “Per quanto ci riguarda non riusciamo ad intravedere alcuna visione. Nessuno ha capito dove ci stia portando il viaggio. Tutto ciò che è stato reso noto è che le vendite e i profitti sono crollati pesantemente”, il suo grido d’allarme nei confronti di una Liberty Media più interessata a far piazza pulita del passato europeo della serie, che a risollevarla da qualche campionato zoppicante.

Minacce vere

L’ex pilota ha quindi sostenuto che se per molti l’avviso a mezzo stampa dal Presidente del Cavallino Marchionne è stato un mero tentativo di spaventare i vertici del Circus e costringerli ad invertire la rotta, per loro in quanto Frecce d’Argento, resta qualcosa di molto probabile.

“A mio avviso un simile scenario è possibile. Non è dunque da escludere che il mio gruppo decida di andare altrove, e ciò vale anche per la Scuderia. Tutto quello che dice Sergio va preso seriamente”, ha argomentato. “La nostra categoria deve restare l’apice del motorsport in termini di competizione e di tecnologia. Annacquare questo messaggio utilizzando sistemi tipo l’introduzione di parti comuni andrebbe soltanto a penalizzare i più forti e aiutare i più deboli. E questo non è nel nostro DNA”.

“Insomma, se non riusciremo a individuare il vero significato della F1 in quanto ci verrà proposto, allora cominceremo a guardare ad altri sport motoristici dove poterci esprimere ai massimi livelli”, ha infine chiosato Wolff.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori