CONDIVIDI
Max Verstappen (©Getty Images)

Se si tratti di una critica velata o semplicemente di una constatazione non è dato sapersi, sta di fatto che Max Verstappen lo ha detto con una certa convinzione. Con una power unit Mercedes la Red Bull non avrebbe mai smesso di vincere. In pratica, bando ai cambiamenti regolamentari e all’ingresso dei motori ibridi sarebbe stata la dominatrice assoluta anche nel dopo Sebastian Vettel (ndr. al top dal 2010 al 2013).

“Sono sicuro che montando un propulsore tedesco, neppure le Frecce d’Argento sarebbero in grado di starci dietro“, ha riferito a Motorsport.com. Persuaso che il telaio della nuova monoposto sarà altamente competitivo, l’olandese non ha nascosto i suoi timori circa la qualità della PU Renault che già nel 2017 secondo lui aveva dimostrato di essere poco stabile e di possedere “molti meno cavalli rispetto alle altre, unica eccezione quella Honda”, in particolare “la MGU-H è stata la parte più debole”.

“Diciamo che i problemi sono stati molteplici e complessi, altrimenti a Viry li avrebbero risolti da molto tempo”, ha aggiunto il #33, la cui amarezza è stata forse aumentata dai suoi successi in Malesia e in Messico e quello del compagno di box Daniel Ricciardo in Azerbaijan, che avrebbero potuto essere molti di più se solo la RB13 avesse potuto godere di maggiore affidabilità e potenza. Due pecche importanti da sommare al ritardo nella preparazione invernale che hanno pesantemente compromesso il mondiale degli energetici.

“Inizialmente i tecnici avevano pensato di puntare su una figurazione a basso drag, ma poi si sono accorti che non funzionava. Evidentemente sono stati troppo ottimisti. Ad ogni modo abbiamo fatto vedere nella seconda parte di stagione di saper ribaltare le situazioni. Ovviamente la possibilità di lottare per il titolo era andata, però almeno il recupero ci ha dato fiducia per il futuro e per la direzione intrapresa”, ha concluso Mad Max che nei giorni scorsi si è candidato ad erede di Hamilton.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori