CONDIVIDI
Max Verstappen (©Getty Images)

Max Verstappen non se l’è presa. Quel “Che testa di c***o!” pronunciato da Lewis Hamilton mentre guardava le immagini del loro incontro ravvicinato al giro 3 del GP del Bahrain sugli schermi presenti nel retro podio, non lo ha ferito e a dispetto di qualche appunto polemico da parte dei media olandesi in conferenza stampa, subito bloccati da Sebastian Vettel, che per qualche motivo si era sentito chiamato ad intervenire, ha quasi dato ragione al collega della Mercedes che in seguito lo ha accusato di essere un immaturo.

Ham era appena sceso dalla monoposto quando ha detto quelle parole.Sono cose che possono succedere, specialmente se hai appena finito la corsa e hai l’adrenalina alta“, ha giustificato il #33 durante un intervento su Ziggo Sport. Quindi a proposito del tentativo azzardato di sorpasso all’interno nei confronti della W09 del campione del mondo, una manovra che ha lo ha portato al contatto con conseguente foratura della posteriore sinistra e al ritiro, ha spiegato:”Ero davvero vicino a lui e avevo l’opportunità di superarlo, dunque ho pensato fosse una buona opportunità. La mia monoposto era fantastica e non volevo restare alle sue spalle. Già prima di partire ero consapevole che eravamo messi dunque e ci tenevo a recuperare”.

Ma se la domenica di Al Sakhir di Mad Max è stata tutt’altro che scintillante, non meglio è andata al compagno di squadra Ricciardo, bloccato al pronti via da un guasto. “Credo che Daniel abbia avuto lo stesso problema che avevo accusato durante i test di Barcellona. Da quella volta a me non è più capitato, ma sfortunatamente nell’ultima gara è successo a lui”, ha affermato. “Credo però che la nostra situazione sia ragionevolmente buona rispetto allo scorso anno. Questo è sicuro. Tuttavia non siamo ancora al livello che vorremmo”.

Dopo due round la Red Bull è quarta nella classifica costruttori con 20 punti contro i 65 della Ferrari.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori