CONDIVIDI
Kimi Raikkonen (©Getty Images)

F1 | Vasseur: “Raikkonen sta già portando benefici alla Sauber”

Non è ancora arrivato in squadra, eppure Kimi Raikkonen sembra aver già portato benefici all’Alfa Romeo Sauber. Ad affermarlo a Motorsport.com il team principal Frederic Vasseur ribadendo quanto già dichiarato durante la conferenza stampa di Singapore.

Iceman ha la reputazione di essere davvero un ottimo sviluppatore di monoposto capace di dare feedback molto importati per lo sviluppo”, le parole del dirigente transalpino. “Probabilmente in un gruppo di 450 persone è anche più importante avere un tipo di persona come lui rispetto all’essere in una scuderia due o tre volte più grande di quello che siamo noi”.

Abbiamo bisogno di un leader forte tra i nostri piloti. Lui è capace di dare ottime indicazioni e in questo è certamente uno dei migliori, se non il migliore“.

Un boost per i tecnici

Il passaggio del finlandese dalla Ferrari ad Hinwil ha come ovvio ringalluzzito tutto il personale, speranzoso di uscire dal fondo schieramento già dal 2019.

La reazione dei ragazzi alla notizia del suo ingaggio è stata fantastica. E’ sicuramente una spinta eccezionale sapere che una persona come Kimi arriverà a dare man forte al tuo progetto“, ha continuato il discorso. “Di certo sapere che un campione del mondo pensa che posso fare un buon lavoro serve all’autostima ed è uno sprone a fare il massimo. Io ero nell’ufficio progettazione quando è arrivata l’e-mail con la news e tutti abbiamo detto wow!“.

L’aspetto economico

Sicuramente poter contare su un pezzo pregiato come il 38enne, ultimo aver vinto un titolo con il Cavallino, non potrà che far bene all’immagine e alle casse del team elvetico.

Non dimentichiamo poi che per noi porterà un benefit anche dal punto di vista del marketing”, ha quindi ammesso Vasseur. “Credo che scopriremo i vantaggi  settimana dopo settimana. Sulla griglia di partenza sarà uno dei tre campioni del mondo in attività con Vettel e Hamilton”.

Stiamo già ricevendo offerte per ogni singola area dagli sponsor. E’ una sensazione molto strana. Non sono un grande fan dei social media, ma credo che per noi potrebbe essere una cosa molto grande. Un anno fa Raikkonen era un qualcosa di impensabile in quanto non eravamo assolutamente nessuno. Non avrei mai potuto immaginare di poterlo convincere a venire a correre per noi“, ha concluso euforico il 50enne.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su  Google News