CONDIVIDI
Force India (Force India Official)

F1| Ufficiale: Papà Stroll ha salvato la Force India!

La Force India è salva! Entrata in regime di amministrazione controllata il venerdì del GP d’Ungheria facendo tornare alla mente i casi di Manor e Caterham, entrambe alla fine costrette a dire addio al Circus, la scuderia di Vijay Mallya è stata più fortunata e nel bel mezzo delle vacanze estive ha trovato un acquirente.

Gli attuali delegati del team hanno accettato un’offerta da parte di un consorzio guidato da Lawrence Stroll, padre dell’attuale pilota della Williams, Lance confermando le voci che erano circolate in occasione del round di Silverstone.

Tra i creditori dell’equipe indiana ci sono la Mercedes, che le fornisce le power unit, e Sergio Perez, ovvero coloro che hanno bussato cassa facendo scoppiare il caso.

“Questo passaggio di proprietà assicura un futuro alla squadra consentendole di affrontare la seconda parte di stagione al massimo del potenziale”, ha commentato il responsabile operativo Otmar Szafnauer. “Siamo ovviamente molto contenti che qualcuno abbia creduto in un progetto a lungo termine”.

In stand-by

“Ci sono alcune componenti che sono stati messe in attesa dai nostri fornitori dopo le ultime vicende”, ha proseguito il boss. “Al momento non sappiamo ancora quando potranno riprendere l’attività a causa della pausa. Vorremmo avere tutto a disposizione per il Belgio, ma se non sarà possibile allora proveremo per la gara successiva a Monza”.

Nonostante le difficoltà finanziarie la Force India sta occupando la sesta posizione tra i costruttori, a soli sette punti dalla Haas.

“Siamo in un momento cruciale sia per portare in pista gli ultimi aggiornamenti della monoposto attuale, sia per l’avanzamento dei lavori per la vettura del 2019. I finanziamenti che arriveranno saranno in grado di consentirci di andare avanti su entrambi i fronti”, ha dunque concluso Szafnauer tacendo però sull’arrivo nel team per il prossimo anno del figlio del salvatore, nonostante questi abbia ancora dimostrato molto poco.

Chiara Rainis