CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Forse lo ha detto soltanto per mettere a tacere le voci che vorrebbero vederlo presto con la tuta Ferrari, sta di fatto che alla vigilia del GP del Bahrain, secondo round della stagione 2018 di F1, Toto Wolff ha annunciato che la trattativa per il rinnovo dell’accordo con Lewis Hamilton si è già bel che conclusa. In realtà la firma sarebbe dovuta avvenire prima del debutto di Melbourne, ma a quanto pare alcuni dettagli avevano bloccato momentaneamente la discussione.

Ora, secondo quanto rivelato dal quotidiano tedesco Bild il quattro volte iridato sarebbe pronto ad intascare tra il 2019 e il 2021 la cifra record di 60 milioni di dollari. “E’ stato tutto definito”, ha dichiarato il direttore generale della Mercedes. “Con Ham viaggiamo sulla medesima lunghezza d’onda. Tuttavia va ricordato che un contratto normalmente supera le 100 pagine con un numero corrispondente di punti a cui fare riferimento. Dunque prima della chiusura bisogna che tutto sia anlizzato a dovere”. Intanto dopo la figuraccia rimediata in Australia la scuderia di Stoccarda si prepara al contrattacco per evitare di dare tropo agio alla Rossa di sentirsi la prima della classe. “In questi giorni ci siamo assicurati che il guasto al sistema che ci ha rallentato all’Albert Park non si ripresenti più in futuro”, ha concluso battagliero il manager austriaco.

Ricco sfondato

E sempre dalla terra di Mozart è arrivato un parere a proposito della potenziale crescita del cachet di Hamilton che fra tre campionati potrebbe toccare i 184 milioni di dollari. Un guadagno da capogiro che per molti è privo di senso. “A mio parere invece li vale”, ha affermato l’ex McLaren e Ferrari Gerhard Berger. “Senza Lewis le Frecce d’Argento sarebbero dietro al Cavallino e pure alla Red Bull. Lui è il più veloce della griglia ed è in grado di fare la differenza. Dunque credo che sia giusto che il team faccia di tutto per tenerselo stretto”.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori