CONDIVIDI
McLaren MP4-X
McLaren MP4-X (foto Facebook)

La Formula1 da anni viene accusata di essere troppo noiosa per tante ragioni. Si va dai pochi sorpassi che si vedono in pista a titoli mondiali praticamente già assegnati prima della partenza del campionato, ma anche dal rumore poco accattivante delle monoposto al loro aspetto che viene ormai considerato poco affascinante.

Proprio su quest’ultimo punto si è concentrata la McLaren realizzando un concept futuristico chiamato MP4-X che magari potrebbe essere un modello ispiratore per il futuro della F1. Anche la Red Bull e la Ferrari ne realizzarono di simili un po’ di mesi addietro, segnale che le grandi scuderie sono aperte a cambiamenti drastici eventualmente, anche se andranno concordati. Ora però è presto per parlarne.

Soffermandoci sulla McLaren MP4-X si può notare subito che l’abitacolo è chiuso e ciò rappresenterebbe certamente una scelta utile per quanto riguarda la sicurezza dei piloti, anche se molti nel paddock hanno bocciato l’idea nonostante l’incidente tragico di Jules Bianchi abbia importo delle riflessioni sull’argomento. Balzano all’occhio anche le ruote coperte da passaruota avvolgenti, un’altra novità che può servire per evitare che dei detriti possano danneggiare gli pneumatici, i quali incorporano dei sensori di usura in grado di trasmettere in tempo reale i dati sulla superficie del pneumatico agli ingegneri e prevenire delaminazioni e cedimenti strutturali.

La monoposto verrebbe spinta da un powertrain ibrido dotato di tutti i sistemi odierni per il recupero dell’energia ed è stata pensata come una vettura in grado di essere ricaricata tramite induzione. Un’operazione che verrebbe effettuata direttamente nel corso delle gare, grazie alle piastre per l’alimentazione incorporate direttamente nell’asfalto dei circuiti. Invece delle batterie, sono previsti degli elementi sottili distribuiti in tutta la struttura, in grado di assorbire energia non soltanto dal recupero di quella prodotta dal powertrain, ma anche dalla luce solare.

Il telaio è di tipo flessibile con un assetto che può cambiare in base alle diverse condizioni, si è pensato ad una aerodinamica di tipo attivo pertanto. La McLaren MP4-X prevede poi anche un sistema di alta tecnologia che consente grande interazione tra il team e il pilota. Inoltre la macchina è in grado di trasmettere autonomamente tutti i dati al box, in particolare gli eventuali problemi che possono sorgere in pista nel corso dei vari giri.

Tanta innovazione dunque, non sono guardando la McLaren MP4-X dall’esterno, ma anche per quanto concerne il suo funzionamento vero e proprio. Chissà se un giorno in Formula1 correranno prototipi simili a questo. Ecco intanto alcune foto prese della pagina Facebook della scuderia di Woking.