CONDIVIDI
Max Verstappen (©Getty Images)

Soltanto sesto della generale con un bottino di appena 45 punti e lontano dalle prestazioni da rivelazione dell’anno del 2016, al termine di un weekend di Montreal che l’ha visto costretto al ritiro al giro 11 per motivi tecnici Max Verstappen ha candidamente descritto il suo campionato finora “uno schifo”.

“All’improvviso ho perso potenza”. Ha spiegato l’accaduto a Ziggo Sport Totaal. “Stavo per accelerare quando si è spento tutto, incluso il cruscotto, e non riuscivo neppure a comunicare con il team. E’ stato davvero frustrante, anche perché il quel momento mi trovavo in seconda piazza. Lo start (ndr. partiva 5°) è stato fantastico. Uno dei migliori da quando corro per la Red Bull, ma purtroppo ne sono uscito a mani vuote e questo è tremendo. Avrei potuto concludere alle spalle di Hamilton, o nel peggiore delle ipotesi terzo”.

“Sono cose che possono succedere”. Ha poi commentato il 19enne a proposito del presunto guasto alla batteria che l’ha fermato. “Mi era capitato pure nei kart. Però per evitare repliche ci sarà da lavorare”.

“Le prospettive per il prossimo round in Azerbaijan? Sinceramente non me ne preoccupo. Ad oggi la mia stagione è stata penosa”. Ha rilanciato con tono pessimista. “Ciò che mi agita è il pensiero del 2018 visto che le regole non cambieranno molto. Di certo il nostro obiettivo nel 2017 era di lottare per il titolo ed invece siamo molto lontani. Passi avanti ne sono stati fatti, ma gli aggiornamenti non sono stati molti specialmente a livello di motore”.

“Anzi come avrete potuto leggere da qui a fine mondiale la Renault non ci fornirà alcun upgrade e questa è una cosa che mi inquieta molto considerato che ci avevano fatto delle promesse”. Ha proseguito nel suo sfogo Max Verstappen. “Io voglio vincere e so che la squadra ha le capacità per farcela”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori