CONDIVIDI

Mercedes(Getty Images)


F1 | Lewis Hamilton pessimista: “Rimonta quasi impossibile”

Un Lewis Hamilton deluso come quello che di questo sabato ad Hockenheim non lo vedevamo da parecchio tempo. L’origine del suo dolore è stato il passaggio un po’ aggressivo su un cordolo nel corso del Q1. Un volo con molteplici sobbalzi che ha portato il muretto Mercedes ad invitarlo subito a parcheggiare per un presunto problema idraulico.

Incredulo davanti alla comunicazione, l’inglese ha dovuto per forza di cose fermarsi e neppure il tentativo di riportare la macchina al box a spinta gli ha consentito di riprendersi dall’ardua sentenza del ko tecnico che lo ha relegato in piazza 14.

Non avendo capito cosa fosse successo, ho cercato di riportare in pista la macchina, ma dal muretto mi hanno hanno detto di scendere. Ho anche cercato di spingerla per farle fare più strada possibile e riportarla in pit lane, però ho visto che c’era una perdita d’olio e ho preferito lasciar perdere. L’ho fatto perché io non mollo mai, è la mia attitudine”, ha detto il 33enne, distrutto da questo colpo di scena tanto da doversi accovacciare accanto alla sua W09.

Il problema non è attribuibile al cordolo che ho preso prima di fermarmi, perché ho sempre affrontato quel tratto nel medesimo modo a ogni giro. Credo di aver avuto un problema al cambio“, ha cercato di motivare l’accaduto”.

Infine parlando delle possibilità di recuperare qualche posizione e possibilmente di salire sul podio Ham si è mostrato alquanto scettico. “Su questa pista è quasi impossibile rimontare. E’ una delle peggiori per cercare di superare. Farò quello che posso e poi vedremo a fine gara quale sarà il nostro piazzamento”, ha concluso consapevole che questo imprevisto potrebbe costargli parecchio in termini di campionato specialmente se Sebastian Vettel, trascinato dal pubblico di casa e da una SF71-H davvero competitiva, dovesse vincere a mani basse.

Chiara Rainis