CONDIVIDI
Lapo Elkann (©Getty Images)

Sebbene si tratti di una partnership soltanto commerciale l’unione tra Sauber e Alfa Romeo ha scatenato l’entusiasmo di molti, tra amanti della storia dell’automobilismo e della Casa del Biscione. Tra questi ovviamente non poteva mancare Lapo Elkann, il quale non si è lasciato pregare e ha subito dato il via ad una trattativa con la scuderia di Hinwil, decisamente aperta agli italiani considerato anche il suo lungo sodalizio con la Ferrari, tutt’ora sua fornitrice della power unit.

E così l’erede più eclettico e senza regole della famiglia Agnelli ha proposto agli svizzeri la collaborazione con Garage Italia, progetto ambizioso a cui ha cominciato a lavorare un paio di anni fa e definitivamente aperto lo scorso 7 novembre. Per chi non lo sapesse si tratta di un spazio ricavato nell’ex edificio Agip di Piazza Accursio, a Milano, ristrutturato dallo studio di design di Michele de Lucchi e dalla ditta Paolo Castelli, in cui chiunque possiede un motociclo, una vettura o un’imbarcazione, può recarsi per farsela customizzare nelle maniere più disparate. Ma non solo. A rendere ancora più d’élite il locale c’è il bistrot di Carlo Cracco che nell’attesa può soddisfare il palato dei clienti.

“Siamo lieti di annunciare la liaison con una compagnia tanto esclusiva pseicalizzata nella personalizzazione creativa dei prodotti”, ha dichiarato il boss Frederic Vasseur. “Lavorare assieme sarà d’ispirazione non solo per i piloti, ma per l’intero team”.

Un contratto speciale

In realtà oltre a diventare nuovo Promotional Partner della squadra elvetica, il nome Garage Italia sarà presente sul casco del monegasco Charles Leclerc con il logo posizionato nella zona del mento.

“Correre in F1 rappresenta il sogno di qualsiasi pilota professionista. Posso solo immaginare quanto possa essere eccitante per un giovane essere al volante di una monoposto”, le parole di Elkann. “Per quanto mi riguarda credo fortemente nella necessità di dare ai ragazzi una chance per mostrare le proprie capacità, inoltre sono convinto che la Sauber otterrà ottimi risultati. Entrare nel Circus assieme al brand Alfa Romeo che ho nel cuore mi rende davvero orgoglioso. Non vedo l’ora di affrontare le sfide che ci attendono”.

Chiara Rainis