CONDIVIDI
Robert Kubica (©Getty Images)

Tornato nel Circus dopo una grande battaglia con il proprio fisico causa i postumi del terribile incidente occorsogli durante il Rally Ronde del 6 febbraio 2011 Robert Kubica non sembra essere rimasto particolarmente persuaso dalle monoposto che si è ritrovato a guidare, di sicuro molto differenti rispetto a quelle a cui era abituato, a parte dal motore.

“Una volta in pista la prima cosa che balza all’attenzione è il peso. Il telaio attuale è più pesante di ben 60 kg. Questo ovviamente va ad influenzare la tenuta di strada e la maneggevolezza dell’auto in curva”, ha analizzato come sempre con precisione il driver di Cracovia parlando ad Auto Motor und Sport. “La sensazione è che all’improvviso diventi indolente e che si sia al volante di un autobus. Sinceramente inizio già a sentire la mancanza dell’epoca in cui le nostra macchine non erano più di 605 kg!”.

“Inoltre la durata degli pneumatici era molto più corta, per cui eri costretto ad attaccare ad ogni giro, ad affrontare una perenne qualifica Ormai invece, non è più così”, ha aggiunto con critica nostalgica. “Oggi è tutto calcolato nel dettaglio. A mio avviso anche troppo. Capisco dunque le lamentele del pubblico a proposito della qualità di certe corse. In un certo senso potremmo dire che sono in solitario tanto i piloti devono stare attenti a non avvicinarsi eccessivamente tra di loro pena il surriscaldamento delle gomme”.

All’amara presa di coscienza, il 33enne vincitore del GP del Canada 2008 ha quindi  proposto una soluzione. “Cosa farei io? Intanto renderei più leggere le vetture. Solo così si risolverebbero diverse problematiche”, ha chiosato dimenticandosi forse dell’Halo, introdotto da quest’anno per proteggere l’abitacolo, e di una power unit che dal 2014 costringe le scuderie a fare voli pindarici pur di tagliare il più possibile e i corridori a fare pesanti diete per non pesare ulteriormente,

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori