mercoledì, ottobre 17, 2018
Home Motorsport Formula 1 Jorge Lorenzo: “Il caos in pista mi ha destabilizzato”

Jorge Lorenzo: “Il caos in pista mi ha destabilizzato”

CONDIVIDI
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

MotoGP | Jorge Lorenzo: “Il caos in pista mi ha destabilizzato”

La Ducati è stata più forte della consuetudine e sul circuito di Aragon, non propriamente il più adatto alle sue caratteristiche, ha firmato la pole position con Jorge Lorenzo e la seconda posizione con Andrea Dovizioso al termine di una qualifica caotica per via della caccia alle scie.

Il maiorchino, alla sua quarta partenza al palo stagionale, ha rischiato di veder rovinato il suo ultimo giro disponibile a causa del traffico, ma alla fine tutto è andato al meglio per lui.

“C’erano molti piloti in pit lane ed anche sul tracciato per cercare la “slipstream”. Per due o tre tornate abbiamo aspettato, siamo andati lenti, e c’era molta tensione”, ha raccontato la sua sessione. “E’ stato difficile mantenere la calma e la concentrazione quando ho visto gli altri davanti a me che procedevano lenti. Pensavo di non riuscire a migliorare il tempo che avevo fatto con le gomme usate nella prima uscita”.

Per fortuna nei secondi conclusivi hanno spinto ed ho avuto pista libera, però avevo una posteriore che aveva già un paio di giri e non era performante come la prima. Ho dovuto spingere un pelino di più in qualche curva per migliorare il mio crono e alla fine ci sono riuscito per un soffio”, ha proseguito nell’analisi. “In generale sono molto contento per il team. Abbiamo fatto un’altra doppietta anche se nelle qualifiche ed ho conquistato la mia terza pole consecutiva”.

Infine per il #99 i due elementi chiave per ripetersi in corsa saranno l’elettronica e la gestione degli pneumatici nella fase iniziale.

“La gara sarà difficile”, ha aggiunto. “Farà caldo, dunque sarà molto fisica. Bisognerà gestire al meglio le coperture e credo che la Desmosedici abbia un vantaggio da questo punto di vista con l’elettronica. Saranno importanti sia lo start, sia la strategia. Credo che si dovrà spingere al 95 % senza sbagliare e bisognerà vedere chi sarà il più forte negli ultimi dieci giri”.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su  Google News