CONDIVIDI
Niki Lauda (Getty Images)

F1 | I dottori: “Lauda arrivato con pochi giorni di vita”

Ad una settimana dall’intervento di trapianto al polmone a cui è stato sottoposto al Vienna General Hospital Niki Lauda prosegue nel suo percorso di convalescenza, mentre i dottori che lo hanno soccorso e curato, ben 7, hanno deciso di cominciare a divulgare dettagli sull’operazione.

In particolare a parlare è stato il capo del reparto pneumologia Marco Idzko che ha spiegato: “Il signor Lauda è arrivato con un’alveolite emorragica, ossia un’infiammazione dell’alveoli polmonari con sanguinamento all’interno del tessuto e delle vie respiratorie”.

“Dopo 10 giorni di terapia intensiva abbiamo dovuto cambiare terapia a causa della mancanza di ossigeno e sostituire l’organo in maniera meccanica”, ha invece  affermato il cardiologo Gottfried Heinz.

Una sostituzione salvifica

Secondo quanto dichiarato dai medici, senza l’immediato intervento chirurgico per il boss non esecutivo Mercedes le prospettive di vita sarebbero state veramente basse.

“Possiamo affermare che il paziente è sopravvissuto in maniera eccellente e che poteva essere estubato dopo appena 24 ore”, le parole del responsabile del reparto chirurgia.  Christian Hengstenberg. “Questo è estremamente importante per noi e per l’intero processo di guarigione. Possiamo vedere che è completamente cosciente e che tutto sta funzionando correttamente. Lo sviluppo è molto gratificante”.

“I nostri tassi di sopravvivenza sono oltre il 90% e circa il 75% dopo cinque anni” ha quindi detto il chirurgo toracico Peter Jaksch.

“La situazione è tale che ci aspettiamo davvero che possa tornare ad una vita normale. Solo il tempo però ci dirà se raggiungeremo il nostro obiettivo”, ha infine aggiunto Idzko.

Il 3 volte iridato del Circus è stato operato lo scorso 2 agosto. Nulla fino a quel momento era stato reso noto circa le sue condizioni di salute, tuttavia che ci fosse qualcosa di anomalo lo si era capito dalla sua assenza nel box delle Frecce d’Argento sia in Germania, sia in Ungheria.

Chiara Rainis