CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Avere un campione del mondo in diretta, possibilmente in prima serata, pronto a raccontare la propria vita, privata e sportiva, non può non avere un bel costo. Ed infatti la RAI lo ha pagato. Pur avendo rinunciato, a quanto pare, a trasmettere i GP di F1 nel 2018, il servizio pubblico italiano non ha fatto una piega a pagare Lewis Hamilton ben 150 mila euro per una ventina di minuti spesi nel salotto dorato di Fabio Fazio.

E’ bene sottolineare che la presenza del quattro volte iridato della Mercedes ha davvero fatto registrare un boom di ascolti. Se rispetto alle previsioni, dal suo trasferimento su RAI 1, Che Tempo Che Fa ha quasi sempre deluso, la puntata del 17 dicembre scorso, che ha visto fra gli altri protagonisti, personaggi della politica, della cultura e della tv come Emma Bonino, Antonella Clerici, Fabri Fibra e Tiziano Ferro, Antonio Albanese e Paola Cortellesi, oltre a Vito Mancuso, nel momento dell’intervista al 32enne ha sfiorato i i 3.906.000 spettatori, pari allo share di 15,47%

I forfait di rilievo

Va ricordato che Ham, giusto qualche giorno prima aveva deciso di snobbare gli Autosport Award di Londra o la Festa dei Caschi di Autosprint a Bologna preferendo le sfilate di moda, ma non solo. Aveva rifiutato pure una chiamata alla grande BBC per favorire invece l’OFFicina, la società che collabora con la RAI alla realizzazione del programma dell’anchorman di Celle Ligure. Una scelta, a questo punto, buona per entrambe le parti. Senz’altro per il portafoglio di Lewis che per una semplice chiacchierata ha visto aumentare il proprio conto in banca, già degno di nota grazie alle vittorie a ripetizione al volante della sua Freccia d’Argento e ai contratti con gli sponsor di bibite, abbigliamento e accessori; ma anche per l’azienda del Cavallo che ha ripreso fiato, facendo sorgere spontanea la domanda, alla luce dei numeri suddetti,sulle motivazioni che l’hanno spinta a dire no a mandare in onda le gare dall’anno prossimo.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori