CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Secondo Lewis Hamilton a Melbourne la Ferrari ha fatto vedere soltanto parzialmente il proprio potenziale a disposizione. Pur avendo già vinto al pronti via grazie ad un’abile mossa del muretto, secondo il pilota Mercedes la Rossa del 2018 può fare molto di più alla luce della pressione esercitata su di lui prima da Raikkonen, rampante in piazza d’onore fino al clamoroso doppio sorpasso di Vettel con l’aiutino della Virtual Safety Car, e poi dallo stesso Sebastian, di cui in realtà nella seconda parte di gara ha visto solo il posteriore.

“Tutti stanno parlando del nostro “party mode” e di quanto siamo più veloci rispetto alla concorrenza, ma Kimi nel primo stint è stato molto più rapido di me e non è stato per nulla semplice prendere del margine su di lui. Nella mia mente ero convinto di lottare contro Seb”, ha dichiarato il driver di Stevenage a Today.net. “Le vetture del Cavallino andrebbero sempre considerate come due. In fin dei conti schierano due assi, o due joker se preferite. In questo caso hanno mandato al pit stop Iceman per cui ho dovuto cercare di proteggermi dell’undercut, ma l’altro avendo pista libera ha potuto spingere ed è anche per questo che continuavo a pensare che fosse su di lui che dovevo costruire la corsa”.

A differenza dell’Australia in cui Vettel ha trionfato sia quest’anno, sia nel 2017, per il quattro volte iridato il prossimo round che si svolgerà in Bahrain vedrà un esito decisamente più a favore della scuderia di Stoccarda.

“Tutti in squadra hanno la sensazione che a Sakhir sarà diverso. Abbiamo fatto un grandissimo lavoro e inoltre c’è tanta positività. Sappiamo di avere un’ottima macchina, senza dimenticare che siamo i campioni in carica. Con un paio di aggiustamenti sono certo sapremo portarci a casa il prossimo gran premio. Ci credo veramente”, ha concluso con ottimismo Ham.

Chiara Rainis