CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Per tentare di dimenticare l’ennesimo GP del 2018 al di sotto delle aspettative come quello vissuto lo scorso weekend in Cina Lewis Hamilton, ha deciso di parlare di sé e delle proprie passioni e in un video girato per il suo sponsor personale Tommy Hilfiger, ha raccontato la storia del suoi tatuaggi.

“Ho sempre amato i tattoo”, ha confidato l’inglese della Mercedes.”Dietro all’orecchio destro ho il mio numero, il 44. Sul braccio destro ho la Madonna che tiene in braccio Gesù, come nella Pietà di Michelangelo. Sulla schiena ho delle ali d’angelo e una grande croce con la scritta “Sill I Rise”. Sulla parte sinistra del petto ho una testa di leone. Sullo sterno una rosa dei venti con la dicitura “Powerful beyond measure”. Sulla spalla destra “Famiglia” e sulla sinistra “Fede”. Inoltre ci sono anche dei caratteri cinesi e delle note musicali”. A proposito delle scritte questo è ciò che ha spiegato: “Still I Rise è una poesia, ma anche un disco del rapper 2Pac. Mi piace come messaggio perché convoglia l’idea che ci si può evolvere, non importa la provenienza o i problemi che hai. E’ qualcosa di significativo per la vita”.

Passando invece alle amarezze di avvio mondiale il campione in carica ha detto: “Se continuiamo di questo passo sarà difficile confermarmi. Tuttavia dovessi farcela avrebbe ancora più valore, in quanto è cresciuta la competizione. Io comunque non cambio atteggiamento. A Shanghai non siamo stati veloci. Ad oggi forse siamo la seconda o la terza forza in campo, quindi si può solo progredire. Tutti alla base si stanno dando un gran da fare. Io stesso sto cercando di incoraggiarli”.

Infine sul rapporto con i fan asiatici ha concluso: “Sanno sempre dove sono anche se ho un programma esteso. Non so come facciano. Ad ogni modo per accontentarli, questa volta, ho cercato di inserire degli indizi sui social network e mi sono spostato in vari punti della città con dei gadget. E’ stato interessante vedere la loro reazione”.

Chiara Rainis