CONDIVIDI



F1 | Giovinazzi vuole crederci: “Nel 2019 con la Sauber”

Antonio Giovinazzi non ha mai smesso di credere in una sua promozione in F1 nonostante fino ad ora gli incroci del destino lo hanno messo soltanto in stand by. Tornato al volante della Sauber in occasione delle libere 1 della Germania, il pilota pugliese ha rivelato di aver buone speranze per il prossimo anno forte della collaborazione tra Hinwil e il gruppo Ferrari che con Alfa Romeo è entrato commercialmente e non solo nel team elvetico.

“E’ stato bello guidare ancora la C37”, ha dichiarato il vice campione di GP2 del 2016, 19° al termine di un turno che lo ha visto vittima di un episodio di scarsa affidabilità. “L’ultima volta era accaduto ai rookie test di Barcellona, quindi tanto tempo fa. E’ stata una sessione difficile in quanto abbiamo avuto un problema. Nello specifico ho perso il cofano motore subito nel primo run. Ho comunque avuto la possibilità di girare sia con le medie, sia con le soft e ho completato il programma stilato dagli ingegneri. Rispetto all’auto provata al Montmelo sono stati fatti senz’altro passi avanti”.

I progetti futuri

Quello di Hockenheim non è stato un unicum per il driver di Martina France che da qui a fine campionato sarà impegnato nuovamente al venerdì.

“Sarò in azione con la Sauber in altre cinque occasioni e poi affronterò il rookie test”, ha raccontato. “Il target è ovviamente quello di passare a titolare nel 2019. Staremo a vedere cosa accadrà con il Cavallino“.

“Ad essere sincero, mi piacerebbe correre con la squadra svizzera. Hanno mostrato miglioramenti gara dopo gara e la monoposto va sempre meglio. Sarebbe un’ottima opzione per la stagione ventura”, ha proseguito nella sua riflessione. “Dovesse svanire la chance, allora guarderò con interesse ad altre categorie. Per il momento però voglio concentrarmi sul Circus. E’ abbastanza frustrante per un pilota essere qui e vedere gli altri in corsa”, ha quindi chiosato il 24enne.

Chiara Rainis