CONDIVIDI
Ferrari (©Getty Images)

A inizio gennaio la Mercedes aveva annunciato che la power unit della nuova W09 avrebbe sfiorato le tre cifre in termini di potenza profusa e ora stando ad indiscrezioni provenienti dall’Italia, precisamente dal blog di Leo Turrini, giornalista da sempre vicino a Maranello, anche la Ferrari avrebbe progettato un motore di pari capacità.

“E’ stato fatto un grosso sforzo per far dimagrire il propulsore. Come tutti sanno, uno dei vantaggi delle Frecce d’Argento era proprio il minor peso del pacchetto nel suo complesso. Dunque la Ferrari ha cercato di seguire quella strada e ci è riuscita. Nei test al banco si sono già stati toccati i 1000 cv“, il suo messaggio in cui non ha mancato di mostrare ottimismo circa le possibilità della Rossa di raggiungere e sorpassare Stoccarda nel 2018. “Dal punto di vista dell’aerodinamica, i dati forniti dalla galleria del vento segnalano un grosso passo avanti anche se saremo in grado di capirne di più soltanto in occasione dei test di Barcellona. Per il momento sembra un bel sogno”.

Mercedes pronta a copiare il Cavallino?

Se per quanto concerne la performance in pista e la parte tecnica i tedeschi paiono ancora essere il faro, strategicamente parlando sono gli italiani a dettare il passo. Questo almeno secondo il boss Toto Wolff, colpito dalla genialità della partnership appena stretta dalla Ferrari con la Sauber, tanto da piazzargli nel nome quel marchio Alfa Romeo dai grandi echi storici.

 

“Credo che Sergio Marchionne e Maurizio Arrivabene siano piuttosto intelligenti. Già il legame con la Haas sta fornendo loro dei benefici, ma quanto hanno messo in piedi con Hinwil è qualcosa di veramente visionario”, ha confidato l’austriaco al Turun Sanomat ipotizzando un futuro copia-incolla. “Un’ alleanza del genere potrebbe rappresentare una minaccia per noi, dunque dobbiamo pensare ad una soluzione simile da adottare“.

Chiara Rainis