CONDIVIDI
F1 (F1 Twitter)

Dopo la Formula Noia a cui abbia assistito in Australia il responsabile sportivo di Liberty Media Ross Brawn ha deciso di riunirsi con un gruppo di saggi per trovare una soluzione alla mancanza di azione in pista. Così assieme all’ex direttore tecnico Renault e Williams Pat Symonds e al fu capo degli aerodinamici sempre di Grove Jason Sommerville ha cominciato a partorire idee utili che però, a quanto pare, verranno applicate soltanto dal anno del grande cambiamento.

Stiamo lavorando per capire come rendere l’avvicinamento tra le vetture più semplice senza abbassare il livello di incidenza dell’aerodinamica”, ha confidato il manager mancuniano a SiriusXM. “Purtroppo attualmente attorno alle auto si crea una sorta di bolla, per cui chi è alle spalle non riesce a progredire. O meglio. Una volta entrato nella fascia tra il 1″5 e i 2″ di distacco perde performance e non può attaccare. Per questo abbiamo dato avvio ad un programma di studio e abbiamo già trovato alcune proposte interessanti. In particolare abbiamo appreso che le aree più sensibili in questo senso sono l’ala anteriore, i flap e le bandelle che la costituiscono, e il fondo posteriore”.

Seppur consapevole che l’approfondimento occuperà parecchio tempo, Brawn non ha escluso che qualcosina di questa pozione rivoluzionaria si potrà vedere già in atto tra il 2019 e il 2020. “Il fatto che abbiamo individuato nella “front wing” una delle cause delle difficoltà di manovra, non significa che agiremo soltanto lì senza comprenderne le implicazioni sul tutto. Noi siamo alla ricerca di una soluzione globale”, ha proseguito nella riflessione il grande stratega Ferrari di epoca Schumacher. “Per adesso sappiamo qual è la percentuale di perdita di prestazione che si ha nel frangente in cui una macchina si approccia ad un’altra ed abbiamo altresì trovato un modo per ridurre il flusso disturbante, così come la sensibilità dalla monoposto che segue. Stiamo procedendo in maniera strutturale per poter applicare le novità dal 2021, ma se ne frattempo dovessimo individuare qualcosa di sicuro e corretto lo inseriremo da subito”.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori