CONDIVIDI
Ferrari, F1 (©Getty Images)

Per minimizzare i disturbi di visibilità causati dall’abbassamento dell’ala posteriore, la FIA ha concesso ai team di F1 di spostare gli specchietti sull’Halo a patto che i supporti non creino delle vibrazioni. Alcuni piloti, tra cui il solito Fernando Alonso, già in Australia si erano lamentati della difficoltà di vedere bene chi giungeva alle spalle non solo per via dell’alettone, ma pure della protezione dell’abitacolo, dunque da subito si era cercato di trovare una soluzione, giunta alla fine con questo ok che dovrebbe risolvere anche un altro problema, ossia la resistenza all’avanzamento (drag), migliorando l’aerodinamica.

In precedenza la Ferrari aveva provato ad usare gli specchietti come deviatori di flusso per orientare l’aria verso la bocca dei radiatori, adesso, con questo via libera dato dal responsabile tecnico federale Nicholas Tombazis, altre scuderie potrebbero seguire il suo esempio. Naturalmente il mirror dovrà soddisfare tutte le norme vigenti, come le dimensioni minime che non potranno essere inferiori a 150 mm x 50 mm in modo da consentire al driver di essere in grado di leggere. Per questo verrà effettuato un test alla presenza di un commissario che mostrerà al candidato di turno dei numeri e delle lettere dietro al retrotreno. Il retrovisore inoltre dovrà conformarsi alla regola che consente alle scuderie di montare delle carenature al device entro i 20 mm dalla struttura tubolare.

La Federazione Internazionale ha chiesto quindi di dimostrare che i montaggi siano sicuri e tali da non compromettere la visibilità posteriore per le vibrazioni. Chi dovesse decidere di spostare gli specchietti non potrà più tenerli anche sul telaio in quanto renderebbero più difficile la rimozione dell’Halo in caso d’incidente.I tecnici infine, hanno spiegato che non potranno passare cavi o connettori attraverso la carenatura della protezione, per cui nel caso a una squadra venisse chiesto dalla FOM di montare la telecamera nei retrovisori, il team dovrà tornare ad usare uno specchietto montato sul telaio o la pancia.

Chiara Rainis