CONDIVIDI
Ferrari (©Getty Images)

F1 | Ferrari senza sponsor nel GP d’Australia?

La Rossa potrebbe essere costretta a correre senza adesivi in occasione del primo appuntamento stagionale in programma il 17 marzo a Melbourne. A quanto pare l’Australia sarebbe nel bel mezzo di una battaglia contro tutte le pubblicità del tabacco, motivo per cui il title partner Ferrari  Mission Winnow, legato alla Philip Morris, potrebbe non ottenere il nulla osta dalle autorità locali.

Secondo indiscrezioni sarebbe già stata avviata un’indagine sulla natura della società e soprattutto sul suo logo, che in parte ricorda quello storico della Marlboro. In molti infatti hanno visto nella decisione del Cavallino di modificare all’improvviso nel corso del 2018, precisamente a partire dal GP del Giappone dell’ottobre scorso, le tute dei piloti  come una strategia marketing per aggirare il regolamento e continuare in maniera occulta a pubblicizzare le sigarette più vendute al mondo.

Dal 2007, in F1, è entrata in vigore una norma di progressiva rimozione di qualunque tipo di brand che incentiva il fumo, motivo per cui la scuderia di Maranello aveva definitamente lasciato Marlboro nel 2011 pur essendo sempre associata a doppio filo a Philip Morris, tanto da promuovere a team principal Maurizio Arrivabene, per anni impegnato nell’organizzazione di eventi legati al marchio tabaccaio, mentre la stessa Mission Winnow, nient’altro è che un reparto della compagnia ideato per la promozione di modi alternativi di fumare.

In attesa di sapere come andrà a finire, ricordiamo che la nuova auto verrà presentata ufficialmente da Maranello il prossimo 15 febbraio alle 10.45. Il 17, invece, scenderà in pista per la prima volta sul circuito spagnolo del Montmelo per uno shakedown, lo stesso dove dal giorno successivo partiranno i primi test invernali.

Occhi puntati non solo su Sebastian Vettel, ma soprattutto sul giovane Charles Leclerc, arrivato nella giornata di giovedì in fabbrica per fare la prova sedile, e dato ormai per certo come una spina nel fianco del povero 4 volte iridato, chiamato al riscatto dopo un mondiale 2018 tra luci e molte ombre.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori