CONDIVIDI
Red Bull (©Red Bull Twitter)

Cielo grigio e una temperatura di 20 °C. Con questo meteo è partita la prima sessione di prove libere del Brasile. Subito in pista le McLaren, le Alfa Romeo Sauber e la Red Bull di Daniel Ricciardo. L’australiano sa già che per le diverse sostituzioni di parti della power unit dovrà partire dal fondo griglia.

Il primo crono di giornata è della Ferrari di Kimi Raikkonen con un 1’20″666.

1’12″312 su soft per Lando Norris con la MCL33 di Fernando Alonso.
1’10″139 per Ricciardo con le supersoft.
1’09″939 per Valtteri Bottas a precedere Sebastian Vettel.

1’09″423 per Lewis Hamilton nonostante il sottosterzo quando mancano 55′.
Bloccaggio per l’inglese che rientra al box per cambiare gomme.

Intanto in McLaren e in Haas fanno la loro apparizione i giovani tester Sergio Sette Camara e Loius Deletraz.

A 35′ dalla fine Hamilton guida davanti a Max Verstappen e Valtteri Bottas. Hartley, Vandoorne, Sirtkin e Latifi con la Force India di Perez in fondo al gruppo.
Nel garage Mercedes si lavora alacremente sul fondo vettura del #77.
1’09″011 per Verstappen che passa in testa.

Anche in questo turno non sono mancati gli errori.

A 20′ dalla bandiera il finnico di Stoccarda torna in azione.

A 10′ Norris esce con una McLaren colorata fluo al posteriore. Lavoro in ottica 2019?

A 5′ Vettel comincia a fare le prove-partenza.

Battaglia per la posizione tra Norris e Stroll.

Rischio per Ham su supersoft. L’inglese perde per un attimo il controllo e con la posteriere destra va di traverso sul cordolo.

A poco più di un minuto dalla chiusura Raikkonen, su gomme soft, rientra al box. Il finnico della Ferrari è 5°.

Bloccaggio per Bottas.

Bandiera a scacchi! Max Verstappen comanda su Sebastian Vettel e Lewis Hamilton.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori