CONDIVIDI

Giornata importante oggi a Maranello, dove c’è l’appuntamento con la presentazione del team Ferrari per il campionato F1 2018. Svelata la nuova monoposto in presenza dei vertici della scuderia e anche dei piloti, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen.

A fare le veci del presentatore Marc Gené, ex collaudatore Ferrari. E’ stato lui a introdurre la nuova vettura, chiamata SF71H. Successivamente ha chiamato sul palco Maurizio Arrivabene, Mattia Binotto e i due driver. Ciascuno di loro ha preso parola in seguito per parlare sia dell’automobile che della nuova stagione. Sicuramente a primo impatto è inevitabile notare l’Halo, la protezione che dal 2018 tutte le monoposto di Formula1 dovranno montare sul proprio abitacolo.

Presente anche Sergio Marchionne, presidente Ferrari. Anche lui in seguito prenderà la parola per parlare degli obiettivi 2018 del team di Maranello e sicuramente anche di altri aspetti. Il Cavallino Rampante quest’anno deve puntare a vincere il titolo. Nella passata stagione per alcuni mesi c’è stata l’illusione di potercela fare con Vettel. Ma a un certo punto la Mercedes ha accelerato e vinto ancora con Lewis Hamilton. Battere la scuderia anglo-tedesca non sarà facile, però un’altra annata senza vincere sarebbe dura da digerire.

Il primo test ufficiali pre-campionato si svolgerà dal 26 febbraio al 1° marzo a Montmelò. E sempre lì, nei pressi di Barcellona, avverrà anche il secondo e ultimo dal 6 al 9 marzo. Nel weekend del 23-25 marzo scatterà ufficialmente il Mondiale F1 2018 a Melbourne, in Australia. Sarà importante arrivare in ottime condizioni tecniche e mentali all’appuntamento. Si preannuncia una stagione molto interessante. Vedremo se nella lotta per il titolo si inserirà qualche outsider. Certamente bisognerà fare attenzione alla Red Bull, che ha due bravissimi piloti come Daniel Ricciardo e Max Verstappen. Sarà interessante pure vedere i progressi della McLaren, che dal 2018 monta motori Renault e ha un Fernando Alonso desideroso di tornare protagonista dopo annate da dimenticare.

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne (immagine Ferrari)

Matteo Bellan