CONDIVIDI
Yusuke Hasegawa, Honda (©Getty Images)

C’è poco da dire. Il ritorno della Honda in F1 è stato, per usare un eufemismo, tra il traumatico e il deludente. Se un po’ tutti si aspettavano una nuova era d’oro in stile periodo Senna – Prost, il risultato si è rivelato esattamente l’opposto. Dati alla mano, il binomio con la McLaren, ripartito nel 2015 dopo un ventennio di separazione, ha portato esiti amari, ossia: un 9° posto costruttori con 27 punti, un 6° nel 2016 con 76, e di nuovo un 9° e penultimo piazzamento nel 2017 con 30 lunghezze.

Come normale che fosse, una simile batosta non poteva non portare a grossi smottamenti all’interno dell’azienda di Sakura, strigliata più volte da Woking sia tramite il responsabile del muretto Eric Boullier, sia per mezzo dei team radio ricchi di improperi lanciati da Fernando Alonso in queste tre stagioni, ma mai in grado di rispondere e alzare la testa. Così, malgrado il fresco accordo con Red Bull e Toro Rosso, che in teoria avrebbe dovuto rialzargli il morale, Yusuke Hasegawa, capo del progetto Circus ha deciso di lasciare, o comunque è stato invitato a farlo.

La novità

A capo dello sviluppo delle power unit in Giappone e ugualmente delle operazioni di gara, il dirigente è saltato per cedere il posto a due figure separate. Una sarà quella di Yasuaki Asaki, che supervisionerà da casa,  mentre Toyoharu Tanabe, appena nominato direttore tecnico, sarà d’ora in avanti riferimento in circuito. Tra l’altro per lui non si tratterà di un debutto nell’ambiente avendo già accumulato esperienza in IndyCar e e collaborato in F1 qualità d’ingegnere con Gerhard Berger proprio in McLaren e con Jenson Button, alla BAR e alla Honda.

Per quanto concerne invece Yasuhisa Arai, a sua volta rimosso e sostituito da Hasegawa, resterà nel gruppo ma non si occuperà più della massima serie.

“Dividere le aree di responsabilità ci permetterà di far evolvere la struttura in modo rapido avendo chiare le responsabilità di ciascuno”, ha motivato il boss della comunicazione Katsuhide Moriyama.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori