CONDIVIDI
Griglia di Partenza Budapest F1 2017 (©Getty Images)

Archiviato con moltissime polemiche e solo qualche applauso il decennio targato Grid Girl, la FIA ha annunciato questo lunedì la nascita dei Grid Kids, adottati da molto tempo sui campi di calcio di tutto il mondo.

“L’iniziativa”, si legge sul comunicato ufficiale, “coinvolgerà i promoter locali del GP e le autorità sportive nazionali, che provvederanno a reclutare i ragazzi, assieme alle loro famiglie, protagonisti di uno dei momenti più esclusivi del weekend di F1 come il pre-gara. I giovani scelti dai diversi club motoristici su base di merito e via lotteria dovranno già competere nei kart o nelle formule minori”.

“Sarà un’occasione straordinaria per questi ragazzini. Immaginate. Stare vicino ai propri eroi, guardarli mentre si preparano per la corse, l’elite dell’elite del motorsport, essere lì assieme a loro, negli istanti appena precedenti allo start”, ha dichiarato entusiasta il direttore marketing della Liberty Media Sean Bratches. “Si tratta senz’altro di un’esperienza indimenticabile. Una motivazione extra per continuare a guidare, ad allenarsi e ad apprendere sognando un giorno di poter fare lo stesso. E’ il modo migliore per ispirare le future generazioni”.

“La F1 è il top dell’automobilismo, il target di tutti coloro che gareggiano nelle categorie junior che caratterizzano la piramide delle competizioni su monoposto. Siamo dunque lieti di aver in qualche modo reso più vicino quell’obiettivo dando la chance ai futuri campioni del nostro sport di accompagnare i loro beniamini sullo schieramento fino all’avvio del gran premio”, il commento invece del Presidente federale Jean Todt.

I Grid Kids verranno selezionato ad ogni round e dove possibile anche per le due principali serie di supporto ossia la F2 e la GP3. Come detto ragazzi saranno accolti assieme ai loro cari, i quali potranno godere di un pass speciale per il paddock nella giornata di domenica.

Chiara Rainis