CONDIVIDI
Claire Williams (©Getty Images)

In quel del Montmelo, con un po’ di malizia, il boss Red Bull Christian Horner aveva fatto circolare la voce che il provvedimento preso in fretta e furia dalla FIA per cui a partire da quest’anno i motoristi/proprietari dovranno fornire ai clienti power unit del tutto identiche alla loro, fosse stato incentivato da una spiata di provenienza Williams, indispettita per la presunta difformità dei propulsori.

Appresa questa diceria, la figlia del patron Grove, alias Missis Claire, è subito corsa in difesa di Stoccarda.

Contrariamente a quanto apparso su certi organi di stampa, smentiamo categoricamente che possa essere messa in discussione la parità delle PU fornite da Mercedes-AMG HPP. Siamo assolutamente convinti che quelle utilizzate da loro, da Force India e da noi siano uguali per hardware e software”, il messaggio trasmesso su una nota ufficiale. “Abbiamo un eccellente legame con la Casa tedesca e puntiamo a proseguire nel migliore dei modi il lavoro iniziato, con il pensiero al test finale di Barcellona previsto questa settimana in vista della nuova stagione”.

Sull’imbarazzante questione tirata in ballo dalla Federazione e già in passato causa di dubbi e perplessità, è intervenuto pure il direttore tecnico Paddy Lowe che ha tuttavia negato la necessità di operare maggiori controlli, in quanto possibile sprone per gli avversari a sviluppare maggiormente le loro unità motrici.

“Approfondire l’argomento non è un bene per noi. Non mi pare vi siano differenze e poi certe affermazioni potrebbero spingere i diretti rivali come McLaren e Red Bull a fare uno step ulteriore per tentare di  batterci”, ha sottolineato l’inglese che il mondo delle Frecce d’Argento lo conosce bene. “Loro solitamente valutano il contributo delle squadra clienti sulla base di prestazioni e affidabilità. Vogliono che siano allo stesso livello per poter analizzare i dati raccolti e apprendere qualche nozione in più“.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori