CONDIVIDI
Maurizio Arrivabene (Getty Images)

F1 | Arrivabene: “Peccato per Raikkonen. Ecco il vero Vettel!”

Come un po’ per tutta la sua stagione anche l’ultima gara di Abu Dhabi ha regalato alla Ferrari un buon risultato e uno deludente. Seconda alle spalle di un inarrivabile Lewis Hamilton con Vettel, si è dovuta invece ritirare con Raikkonen, a causa di un blackout tecnico legato  al motore, accusato a sette giri dall’inizio della corsa. Un guasto che come raccontato da Iceman aveva cominciato a palesarsi sin dallo start.

Interrogato in serata da Sky Italia Maurizio Arrivabene ha riassunto la giornata come un bicchiere mezzo pieno che però poteva essere di più.

Concluso il capito Uomo di Ghiaccio, il manager bresciano è passato alla prestazione del tedesco, apparso un po’ più lucido in questi recenti appuntamenti e meno falloso rispetto agli standard a cui ci aveva abituato da Monza, ma soprattutto maggiormente deciso e aggressivo come proprio a Yas Marina nel sorpasso su Valtteri Bottas.

Per sapere com’è andato il GP di Abu Dhabi LEGGI QUI

Negli ultimi round abbiamo visto il Sebastian vero. Ogni essere umano ha i suoi momenti di alti e bassi. E’ inutile puntare il dito su qualcuno in particolare perché qualcosa in più ce l’aspettavamo anche da noi stessi. Si vince e si perde insieme, siamo andati vicini ma abbiamo perso in finale”, ha ripetuto il suo solito mantra.

Infine facendo un bilancio del campionato, il 61enne non se l’è sentita di definirlo negativo malgrado le premesse fossero altre. “Abbiamo un pilota secondo e l’altro terzo in classifica. Conta solo essere primi, è vero, ma meglio che essere terzi e quarti o quarti e quinti”, la chiosa filosofica.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori