CONDIVIDI
Fernando Alonso (©Getty Images)

E’ evidente che Fernando Alonso stia silenziosamente rosicando. I continui problemi tecnici sulla sua McLaren motorizzata Renault e le prestazioni di discreto livello della Toro Rosso Honda di Pierre Gasly e del meno esperto Brendon Hartley nei test del Montmelo, non possono non avergli disturbato il sonno. Eppure lui a mezzo stampa ci tiene a mostrarsi tranquillo.

Non vedo ragione per essere pessimista“, ha dichiarato ad Onda Cero. “Sono in un team che è il secondo migliore della storia e la Casa di Viry Chatillon è al top come produzione dei propulsori oltre ad essere molto ambiziosa, quindi non capisco perché non dovrebbe funzionare. Dal giorno della presentazione è rimasto tutto invariato. Il nostro obiettivo resta fare progressi rispetto alle ultime tre stagioni e avvicinarci il più possibile alle migliori squadre. E sinceramente credo che siamo sulla buona strada. Sono convinto che dalla nona piazza potremo fare il grande salto e combattere con Mercedes, Ferrari e Red Bull”.

“Quando abbiamo deciso di cambiare fornitore di PU lo abbiamo fatto sicuri che ci sarebbe stato d’aiuto per essere sempre competitivi e lottare per il Q3 al sabato e per il podio nelle corse”, ha sottolineato prima della pugnalata nei confronti dell’azienda di Sakura.

“Per quanto mi riguarda non ho nulla contro la Honda, ma vedremo dove sarà il Australia”, ha rilanciato con aria di sfida. “E’ vero, hanno fatto un buon pre-campionato e se si inseriranno tra i primi 5 li applaudirò, ma non penso che succederà. I test non sono 21 GP da fare con 3 motori. A mio avviso, noi come McLaren a Melbourne potremo collocarci in top 5 o 6 dato che con il passaggio al Renault abbiamo gudagnato almeno 4″, loro invece finiranno tra gli ultimi tre o quattro”, la sentenza del Samurai.

Malgrado la frustrazione per i tanti ritiri accumulati dal 2015 al 2017, Alo ha rivelato di aver imparato molto. “E’ stata dura stare lontano dalla vittoria, tuttavia ho appreso tantissimo e aperto lo sguardo ad altre competizioni leggendarie come la Indy o il WEC”, la sua riflessione. “Per questo sono felice, in quanto sono diventato un pilota più completo

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori