CONDIVIDI
Fernando Alonso (©Getty Images)

Quanto successo in queste ore ha davvero dell’incredibile. O meglio, ci fa capire perfettamente quanto valga sul mercato e sul fronte della pubblicità Fernando Alonso. Diffusa la notizia dell’intenzione del Samurai di partecipare ad alcuni round del WEC oltre alla 24 Ore di Le Mans a cui si è già iscritto, gli organizzatori del campionato endurance si sono affrettati a confrontare il loro calendario con quello della F1 e scovata la concomitanza tra il GP di Suzuka e la 6 Ore del Fuji, hanno deciso di spostarla dal 6/7 ottobre al weekend del 13/14, sua originaria collocazione non fosse che era già stata spostata per evitare clash con la Petit Le Mans che si corre in America.

Insomma, un rimescolamento a favor di iberico, che come facilmente immaginabile ha infastidito e non poco i piloti di durata che hanno accusato i vertici di scarso rispetto e mancata considerazione. “Quando si prendono decisioni simili si è sempre consapevoli di far felici alcune persone e andare contro gli interessi di altre”, ha dichiarato a Motorsport.com il boss del mondiale endurance Gerard Neveu. “La nostra priorità è stata quella di tutelare l’interesse del campionato. Come si poteva immaginare di avere nel paddock uno come Alonso che corre con Toyota e dover rinunciare a lui in Giappone? Nando vuole lottare per il titolo, dunque non potrà saltare nemmeno una corsa”

Evidentemente conquistato dalla presenza del campione di Oviedo il francese ha invece criticato i promoter IMSA, poco inclini a modificare le proprie date e concludere il tutto a tarallucci e vino: “Avendolo schierato alla 24 Ore di Daytona, dovrebbero sapere cosa significa poter godere di un driver del suo valore!”.

Dal canto loro gli statunitensi hanno così chiuso la bocca al mondo ai capi del WEC: “Ci hanno chiesto di poter modificare la data della Petit Le Mans ed abbiamo valutato questa opzione, tuttavia, a causa di alcuni fattori, come la copertura televisiva o le difficoltà logistiche che avrebbe comportato una scelta simile, ci siamo resi conto dell’impossibilità di effettuare questa scelta”.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori