CONDIVIDI
Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (getty images)

Lewis Hamilton dopo le 5 vittorie consecutive è lanciato più che mai verso il trionfo nel Mondiale alla guida della sua Mercedes. Sarebbe il secondo dopo quello conquistato in McLaren nel 2008. Però mancano ancora due gare nella quali ci sono 75 punti in palio e Nico Rosberg, suo compagno di squadra distante 24 lunghezze dalla vetta, vorrà fare di tutto per rendergli difficile la conquista del titolo anche se sulla carta i giochi sembrano fatti.

Ma le corse ci hanno insegnato che basta un episodio a scombussolare lo scenario. Inoltre il fatto che nel gran premio finale di Abu Dhabi verranno assegnati punti doppi è un’arma che può giocare a favore del tedesco e a sfavore di Lewis Hamilton.

 

Hamilton rimane con i piedi per terra

Il pilota inglese nonostante il vantaggio in classifica ed i favori del pronostico non si vuole montare la testa e rimane concentrato sui prossimi impegni, consapevole che dovrà lottare per ottenere il titolo e che nulla gli sarà regalato. La Press Association Sports ha riportato alcune dichiarazioni di Lewis Hamilton sulla sua cavalcata verso la conquista del Mondiale: “Ho sempre tenuto la testa bassa, senza indebolirmi. Ho vinto 4 gare a inizio stagione, successivamente c’è stata la fase negativa da Monaco in poi. Dopo Spa avevo pensato: ‘Ribalterò la situazione, devo cambiare le cose. Questa è una dichiarazione di guerra’. Riflettendoci, ho trasformato, da quella bomba di negatività, l’energia in positività.”

Un Lewis Hamilton dunque guerriero, che non si è mai arreso ed ha avuto il carattere per risalire la china anche quando sembrava Rosberg il favorito. Adesso davanti nel c’è lui saldamente, ma il rispetto e la considerazione per il suo compagno di team sono elevati: “Non sono sicuro di avere un vantaggio. In ogni weekend Nico riparte da zero, arriva e si qualifica in pole. Mentalmente è davvero forte. È ancora lì, sta ancora combattendo”.

 

 

Il futuro di Hamilton

Il contratto con la Mercedes scade tra un anno, ma Lewis Hamilton fa intendere di voler restare nella sua attuale scuderia. Del rinnovo del contratto sarà lui stesso ad occuparsene dopo l’interruzione del rapporto con la XIX Entertainment di Simon Fuller: “Mi sento tranquillo a occuparmene di persona. Nico se è occupato di persona, Sebastian ha fatto la stessa cosa, e non capisco perché io non possa farlo da solo. Comunque, non ho ancora deciso. Spero di restare con questo team per molto, così come spero lo pensino loro. Nulla deve per forza cambiare tanto”.

Infine per quanto concerne il futuro dopo l’addio alle corse, Lewis Hamilton ha dimostrato di avere le idee molto chiare. L’agenzia Reuters riporta le sue parole: “Molti piloti tornano e fanno i giornalisti o i commentatori. Io ho aspirazioni e piani diversi. Si tratta di darsi delle prospettive che, quando smetterò, avrò qualcosa da fare. Ci sarà una voglia irrefrenabile di tornare in macchina. Corro sin da quando ho 8 anni, è una cosa naturale così come è successo a Schumacher o a qualsiasi altro pilota. Hakkinen aveva provato a tornare perché è come una droga, non puoi farne a meno. A un certo punto, quando mi ritirerò, dovrò fare qualcosa che mi interessi e che sostituisca le corse”.