CONDIVIDI
Formula 1 (Getty Images)

Il Gran Premio del Brasile era stato sconquassato alla vigilia dal polverone sollevato da Lewis Hamilton per quanto riguarda la rapina ai propri meccanici. A quanto pare però gli uomini delle Frecce d’argento non sono stati gli unici a subire una situazione tanto spiacevole. Ieri, infatti, sarebbe toccato a quanto pare ai tecnici Pirelli.

I criminali a quanto pare avrebbero tentato di forzare l’auto degli uomini Pirelli, ma questi ultimi si sarebbero dati alla fuga appena in tempo evitando situazioni spiacevoli. La polizia alla vigilia aveva promesso un maggiore impegno per evitare situazioni di questo genere, ma purtroppo in questa annata i problemi sono stati davvero tanti, troppi.

Ipotesi di divorzio?

Come riportato da “Speedweek”, anche Lewis Hamilton si è sfogato ancora una volta sulla cosa: “Sono in Formula 1 da 10 anni e la cosa frustrante è che queste cose accadono nel paddock ogni anno. Ciò che accade non può essere giustificato. Non ho mai visto situazioni tanto rischiose su altre piste”.

Purtroppo la situazione sembra sempre la stessa. Di mattina la presenza delle forze dell’ordine è molto forte. Poi man mano che passano le ore scema sino ad arrivare in serata che è quasi totalmente assente. Questo rappresenta un pericolo per gli addetti ai lavori che lasciano per ultimi la pista.

Interlagos da sempre un circuito un po’ particolare. La gestione Ecclestone ha sempre spinto la Formula 1 verso il Brasile e questo tracciato, che però ogni anno chiude il proprio bilancio con buchi importanti. La gestione Liberty Media, invece, potrebbe portare la Formula 1 verso altri lidi e questa palese disorganizzazione mostrata durante questa edizione potrebbe dare la definitiva spinta al tutto.

Antonio Russo