CONDIVIDI
Sebastian Vettel (Getty Images)

Gli elogi di Vettel per Raikkonen sono un avviso per il futuro della Ferrari?

Il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel loda ampiamente il suo compagno di scuderia Ferrari Kimi Raikkonen. La domanda è: qual è realmente il suo scopo?  Dati i 38 anni, ad ogni stagione si ipotizza se la Ferrari rinnoverà ancora una volta il contratto al finlandese. Raikkonen stesso ha messo in chiaro: “Fino a quando mi vorranno, resterò”. Anche la Ferrari ha aperto all’ipotesi: “Se Raikkonen ha adempiuto ai suoi doveri nel ruolo che ricopre, allora non c’è nulla contro un prolungamento di contratto”. Dal 2015 Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel sono piloti della Ferrari. In poco più di tre stagioni GP, Vettel ha vinto dieci gare, Kimi nessuna. Vettel si è piazzato sul podio almeno il doppio del suo compagno di squadra (35:17) e anche in termini di punti il divario è considerevole: 873 a 589. In tanti parlano della possibilità di vedere Ricciardo come seconda guida della Ferrari al posto di Kimi Raikkonen, un pilota più giovane di 10 anni rispetto al finlandese. Ma i numeri non dicono tutto. Nel 2018 Raikkonen sembra essere decisamente più vicino a Vettel che negli ultimi anni. Il tedesco la pensa così: “Immagino che questo sia dovuto a due motivi: le caratteristiche della vettura e il comportamento delle gomme. Non è sufficiente se si guardano solo i risultati, si deve andare un po’ in profondità per valutare tutto.

Vettel: “Non decido io chi guida per la Ferrari”

In tutte le sessioni di prova e in gara di solito siamo vicino l’un l’altro. Io, d’altra parte, ho avuto problemi a capire immediatamente la macchina. La mia impressione è che Kimi abbia compensato certi problemi con il suo talento naturale. Credo che anche i risultati dello scorso anno abbiano dato un’immagine distorta di Kimi”. Raikkonen invece non commenta chiaramente il fatto di avere maggiore feeling: “Sono solo risultati, il resto sono chiacchiere. Le persone che lavorano con noi sanno esattamente cosa sta succedendo”. Di nuovo Sebastian Vettel: “Siamo una coppia di lavoro ottimale, non ci sono problemi tra noi. Penso che questo sia un grande vantaggio, perché possiamo concentrarci sul lavoro”. Forse l’apprezzamento di Sebastian Vettel è dovuto al fatto che preferirebbe avere un compagno stabile di nome Kimi Raikkonen rispetto al più giovane Daniel Ricciardo? Vettel dice no: “Non decido io chi guida per la Ferrari. Non mi dispiacerebbe se Ricciardo arrivasse. Abbiamo lavorato insieme prima nel 2014. Non fu un buon anno per me allora, ma conosco Daniel da molti anni ed è un bravo ragazzo”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori