CONDIVIDI
Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen (©Getty Images)

La Ferrari ha rivelato che il guasto di un sensore ha innescato l’uscita pericolosa dell’auto di Kimi Raikkonen che ha portato poi l’infortunio di un meccanico durante il pit stop avvenuto nel Gran Premio del Bahrain. Un problema nella rimozione della ruota posteriore sinistra durante i secondi pitstops di Raikkonen ha ritardato Francesco Cigarini dal montare un nuovo pneumatico. L’uomo era in piedi davanti al volante quando il finlandese ha ricevuto il semaforo verde per lasciare i box.

Cigarini è stato investito dalla macchina di Raikkonen mentre il finlandese si è allontanato. Un incidente che ha richiesto un intervento chirurgico per la frattura di tibia e perone. Maurizio Arrivabene ha rivelato che la Ferrari aveva condotto una revisione della procedura insieme alla FIA per determinare perché il sistema ha dato a Raikkonen il segnale di andare quando la ruota posteriore sinistra non era stata cambiata. “La squadra è rimasta colpita dal fatto che una persona sia stata ferita, quindi è stato nel nostro interesse rivedere la procedura generale. Abbiamo una iter per garantire che i pitstop durante la gara siano eseguiti nel modo più sicuro possibile. In questo caso abbiamo tre fattori: controllo umano [i membri dell’equipaggio del pozzetto], meccanico [la pistola a ruota] e un dispositivo elettronico [un sensore per determinare una ruota correttamente attaccata].”

Ferrari, il sistema e la procedura per il pit stop

Arrivabene ha detto che questo ha portato al “maltrattamento del posteriore sinistro” poiché “non era perfettamente leggibile dal dispositivo elettronico, che ha dato il via libera”. Il sistema è progettato per verificare se una ruota è montata in modo sicuro e se la ruota è stata sufficientemente attiva. Poiché la vecchia ruota non è stata rimossa, e la pistola è stata disinnestata e quindi reincollata per riprovare, il sistema la registra come un cambio di ruota completato e dà a Raikkonen la luce verde. Arrivabene ha affermato che Ferrari si assicurerà che ciò non possa ripetersi, sottolineando che “è nel nostro interesse, perché ci preoccupiamo delle nostre persone prima di ogni altra cosa”.

La soluzione esatta è sconosciuta, ma si ritiene che la Ferrari abbia modificato il modo in cui utilizza i sensori durante il processo per garantire che il sistema possa riconoscere se una ruota non è stata effettivamente cambiata. Il team principal ha detto che ha parlato regolarmente con Cigarini questa settimana e che il suo dipendente si sta riprendendo a casa in Italia dopo le cure iniziali in Bahrain. “Vorrei ringraziare il nostro medico di squadra, lo staff medico della FIA e anche l’autorità del Bahrain che ci ha concesso immediatamente il miglior dottore in Bahrain per effettuare l’intervento chirurgico”, ha aggiunto Arrivabene. “Ci stavano assistendo 24 ore al giorno, letteralmente, quindi grazie a tutti loro.”